Zucchero di cocco: proprietà, benefici e differenze rispetto a quello raffinato

Lo zucchero di cocco ha un minore indice glicemico: dopo il via libero del medico curante, si può sostituire allo zucchero raffinato

Tra le alternative dolcificanti allo zucchero bianco c'è da considerare lo zucchero di cocco. Ha un indice glicemico ridotto rispetto a quello dello zucchero raffinato e viene prodotto a partire dalla linfa liquida della palma di cocco.

E' ricco di nutrienti ed assumendolo si può incrementare l'apporto di minerali come calcioferropotassio. Degna di nota è anche la presenza di acidi grassi a catena corta e di polifenoli.

Contiene inulina, una fibra che aiuta a rallentare l'assorbimento del glucosio a livello intestinale. Lo zucchero bianco ha indice glicemico di 60, quello di cocco 54. Non è invece basso l'apporto energetico: 100 g corrispondono a circa 380 calorie.

Ha un sapore intenso e frullato (simile a quello del caramello) ed è molto versatile in quanto non altera accessivamente il sapore degli alimenti. Per questo motivo può essere utilizzato in cucina per preparare biscotti e dolci di diverso tipo.

Secondo gli esperti deve essere assunto solamente dopo aver consultato il proprio medico di fiducia per accertare l'assenza di controindicazioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella sanità pisana e mondiale: è morto il professor Franco Mosca

  • Trovato morto con una freccia di balestra nel petto

  • Coronavirus: ricercatori Aoup svelano una possibile correlazione con l'infiammazione della tiroide

  • Coronavirus: stop alla distribuzione gratuita delle mascherine nelle farmacie

  • Coronavirus in Toscana, 12 nuovi casi: nel pisano 2 positivi in più e nessun decesso

  • Pratale-Don Bosco: muore in casa a 37 anni

Torna su
PisaToday è in caricamento