La cura della pelle passa dalla bava di chiocciola

Il 'metodo del Rio' è l'unico trattamento in Italia che porta la bava delle chiocciole nei centri estetici: ideato e brevettato dall'azienda agricola 'La chiocciola del Rio' di Fauglia

Immagine d'archivio

Il 'metodo del Rio' è il primo trattamento estetico in Italia che abbina oli vegetali preziosi puri all'azione naturale della bava di lumaca, estratta manualmente solo al momento dell’applicazione. Questa procedura nasce da un'idea di Silvia Torlasco, milanese di nascita e toscana di adozione, che nel 2016 ha dato vita all'azienda agricola 'La Chiocciola del Rio', situata nella Val di Conella nel comune di Fauglia. Dopo anni di accurata analisi sui principi attivi della bava di chiocciola, Silvia ha deciso di creare una procedura cosmetica che prevede la preparazione ottimale della pelle con un preparato di oli vegetali puri - come canapa, aloe, jojoba - uniti ad oli essenziali, per poi procedere all'estrazione manuale della bava di chiocciola e alla messa in posa sul viso, collo, décolleté, mani o qualsiasi altra parte interessata. A Milano, Pisa e Ancona si trovano i primi centri estetici e di medicina estetica che hanno accolto questa novità.

I benefici della bava di chiocciola

Negli ultimi anni si è parlato molto dei benefici della bava di lumaca. Collagene, acido glicolico, vitamine A - C - E, allantoina, elastina: sono questi i principi attivi che le chiocciole secernono naturalmente e le case cosmetiche e farmaceutiche ricercano. Molti sono i preparati a base di bava presenti sul mercato ma pochi quelli validi, con una concentrazione di bava nel preparato intorno o di poco superiore al 70%, mentre altri ne utilizzano soltanto il 20% e non sempre il prodotto è di buona qualità (si pensi al fatto che la bava esiste anche liofilizzata, proveniente dall'Asia). Da qui è nata la volontà di Silvia Torlasco di differenziarsi, puntando all'utilizzo della bava in purezza. Questa scelta sta portando a risultati apprezzabili sia per il ringiovanimento cellulare sia per alcuni inestetismi della pelle come acne, irritazioni cutanee e macchie

Il 'metodo del Rio'

Oltre alla bava usata pura, la formulazione degli oli è altrettanto importante, poiché svolgono l'indispensabile funzione preparatoria dell'area da trattare. Il loro utilizzo permette un'azione ritardante nell'evaporazione dell'acqua, l'epidermide viene stimolata, il regime idrico della pelle si regola e alla fine si ottiene un aspetto sano e levigato. "Sono orgogliosa di essere riuscita a trovare il modo di beneficiare al meglio dei principi attivi delle chiocciole, nel pieno rispetto delle stesse" dice Silvia Torlasco. "Portare le chiocciole presso il centro estetico e mostrare alle persone come avviene dolcemente l'estrazione della bava - prosegue - sta suscitando molta curiosità, oltre all'approvazione per i risultati benefici che vengono riscontrati e che sono spesso visibili nell’immediato”.

"In qualità di medico estetico - afferma la dottoressa Giuliana Giandoso, titolare dello Studio Remedia di Milano - ciò che ha suscitato maggiormente il mio interesse nell'uso della bava di lumaca estratta manualmente al momento della posa sulla pelle, è che, oltre al collagene e all'elastina prodotte naturalmente dalle chiocciole, nella bava sono presenti anche altri elementi come l'acido glicolico e vitamine che favoriscono e potenziano l'efficacia e l'assorbimento di queste sostanze, contrastando la formazione di rughe ed altri segni di invecchiamento cutaneo". La scelta di non utilizzare le chiocciole direttamente sul viso è giustificata dal fatto che la secrezione che la chiocciola produce durante il suo passaggio e che rilascia mentre è in movimento non è ricca di quei principi attivi che produce invece con l'estrazione manuale. La quantità e la qualità che vengono rilasciate sulla pelle sono pari a 1/100.

"Per ottenere una eccellente qualità di bava - continua Silvia Torlasco - occorre tener presente un punto fondamentale: l'ambiente. Le chiocciole devono poter crescere e riprodursi in un ambiente totalmente naturale, privo di contaminazioni del suolo, come i diserbanti o i pesticidi. E questo è alla base del nostro allevamento, che segue il ciclo naturale delle stagioni. I recinti che ospitano le nostre chiocciole godono di una vegetazione spontanea che varia di mese in mese. Le chiocciole, prima di essere scelte per l'estrazione della bava, crescono, si nutrono e si riproducono sulla terra per un anno circa. Quindi, per poter estrarre un prodotto privo di tossine, occorre innanzitutto rispettare il loro habitat". 
Le chiocciole dedicate al 'metodo del Rio' dopo un anno di crescita nei recinti vengono spostate in un'altra area, fatte spurgare dei residui di terra e alimentate per una ventina di giorni con una formulazione di ortaggi naturali. La somministrazione di questi ortaggi stimola ulteriormente la produzione dei principi attivi che si trovano nella bava estratta al momento dell'applicazione. Dopo il trattamento, le chiocciole vengono riportate e liberate nei recinti di origine per continuare il loro ciclo di vita biologico.

Potrebbe interessarti

  • Mantenere puliti i capelli: le abitudini più comuni da evitare

  • Come proteggersi dal caldo durante i viaggi in auto

  • Frutta fondamentale per i bambini: i consigli dei pediatri

  • Attenzione ai coloranti chimici nei prodotti del supermercato: i nostri consigli

I più letti della settimana

  • Casting, a Pisa arriva 'L'amica geniale': si cercano comparse

  • Attenzione al ragno violino: come difendersi dal suo morso

  • Incidente stradale sull'Arnaccio: due persone in ospedale

  • Caso Ragusa, la Cassazione conferma: Logli condannato a 20 anni

  • Ricerche per una donna dispersa in mare: ritrovata sulla spiaggia di San Rossore

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 13 e 14 luglio

Torna su
PisaToday è in caricamento