Scongelare la carne senza rischi per la salute: i migliori consigli

L'errore più comune è scongelare la carne all'ultimo minuto, penalizzando il gusto e mettendo a rischio la salute. Vediamo insieme qual è il metodo corretto

Di fronte a della carne congelata ci si pone sempre la stessa domanda: come fare per portarla a temperatura ambiente? La cosa non va assolutamente sottovalutata in quanto,m oltre al sapore, c’è in ballo la sicurezza della carne stessa. 

Molte volte usiamo metodi sbagliati come versare dell’acqua calda sulla carne o lasciarla fuori dal frigo per ore. L’errore più comune è infatti quello di tirare fuori la carne dal freezer venti minuti prima di servirla e metterla in una padella rovente, o magari immergerla in un recipiente di acqua bollente. Se nel primo caso il rischio si limita ad avere in tavola una bistecca secca, nel secondo si potrebbe addirittura andare incontro ad una contaminazione batterica.

Esiste un solo metodo corretto per garantire la morbidezza della polpa ed evitare ogni rischio: è lo scongelamento graduale, ovvero per passi. Si consiglia quindi, dopo aver tolto la carne dal freezer, di depositarla in frigo, sfruttando il lento scongelamento a 3° C. Questa operazione richiede certamente più pazienza e organizzazione, ma il risultato ottenuto è sicuramente ottimo. Parliamo infatti di avere in tavola della carne più morbida ma soprattutto più sana, in quanto il lento scongelamento permette alla polpa di mantenere i suoi succhi. Non tutti lo sanno, ma il tempo necessario per un perfetto scongelamento non dipende dal tipo di carne, ma bensì dal suo spessore, dall’eventuale presenza di ossa e dal confezionamento.

Portando qualche esempio, un filetto ha bisogno di 24 ore per scongelarsi correttamente, mentre un pollo intero potrebbe richiedere anche un giorno e mezzo. Parlando di confezioni, invece, una bistecca sottovuoto avrebbe bisogno di una notte per essere scongelata, mentre se la carne è avvolta in carta o plastica con un vassoio di polistirolo, potrebbe avere bisogno di un giorno e mezzo o due per raggiungere la morbidezza nella sua parte centrale.

Nel caso di una improvvisa necessità o di un’ospite a sorpresa, esiste una sola scorciatoia sicura: quella del forno a microonde. Seppur valida, questa opzione deve restare un piano b, perchè durante il suo processo la carne perde i suoi liquidi e quindi la sua morbidezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Olio di semi mescolato con il gasolio: denunciati gestori di distributore

  • I migliori sport e i trucchi per accelerare il metabolismo e dimagrire

  • Si ferma ad un distributore e si masturba 'di fronte' ad una donna che fa rifornimento

  • Nubifragio in Valdera: allagamenti e disagi

  • Lotterie: vinto un milione di euro a Pisa

  • Scontro tra due auto: muore 70enne

Torna su
PisaToday è in caricamento