Attenzione al selvaggiume: il Parco di San Rossore mette in guardia dall'acaro autunnale

L'acaro autunnale può provocare numerosi fastidi all'uomo. Ecco i consigli del Parco di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli

Il Parco di San Rossore, Migliarino e Massaciuccoli mette in guardia dai pericoli derivanti da un insetto che durante la stagione autunnale è particolarmente diffuso nelle zone boschive e incolte. Il selvaggiume (nome volgare pisano) è un acaro (neotrombicula autunnalis) che si trova nelle aree boscate nel periodo ottobre-dicembre e può provocare nell'uomo la trombiculosi o eritema autunnale che si manifesta sulla pelle, nei punti dove questa è più sottile (braccia, inguine, retro ginocchio etc).

Provoca lesioni simili a punture di insetti fastidiose e che perdurano circa 4-6 giorni, con prurito intenso. Il borotalco o lo zolfo sublimato sono repellenti per tale acaro e quindi utili, usandoli ovviamente con razionalità al pari degli acaricidi spray ad uso dermatologico umano. E' consigliabile indossare stivali alti con pantaloni ben incalzati e giacche a maniche lunghe sui quali ogni ora spruzzare repellenti spray. Per la cura si usano pomate al cortisone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto contro moto a San Giuliano Terme: muore 31enne

  • Lutto all'Aoup: dottoressa muore a 36 anni

  • Coronavirus in Toscana: solo 5 i nuovi casi, 2 i decessi

  • Coronavirus in Toscana: solo sette i nuovi casi, un decesso nel pisano

  • Coronavirus in Toscana: 14 nuovi casi e 6 decessi

  • Coronavirus in Toscana, 18 nuovi casi: un decesso nel pisano

Torna su
PisaToday è in caricamento