La brina nel frigo: un incubo. Ecco qualche trucco per eliminarla con efficiacia

Il ghiaccio in eccesso all'interno del frigorifero può provocare danni spesso molto costosi da riparare

Sbrinare il frigorifero è un’operazione di manutenzione fondamentale per garantire una lunga durata al proprio elettrodomestico, oltre al suo corretto e prolungato funzionamento. Non si tratta di certo di un compito divertente ma, a meno che non si intende investire su di un frigo no frost auto-sbrinante, è qualcosa di inevitabile. Rimandare eccessivamente vuol dire provocare formazioni di ghiaccio eccessive, che andranno a esercitare una dannosa pressione.

Sbrinare il frigo vuol dire inoltre risparmiare, considerando come le formazioni di ghiaccio in eccesso comportino un certo spreco di energia elettrica. Dovrà infatti bruciare maggiore energia per poter funzionare, fino al 20% in più rispetto a un frigorifero pulito.

1. Sbrinare il frigorifero: come fare

La prima cosa da fare è svuotare il frigorifero. Si dovrà staccare la spina e procedere a liberare ogni ripiano e cassetto. Ogni elemento dovrà essere riposto in apposite borse frigo o sacchetti termici, evitando che vadano a male. L’operazione dovrà essere rapida. Una volta svuotato, si dovranno togliere i ripiani, poggiando degli stracci sul piano inferiore, per precauzione. Si dovrà inoltre portare il termostato sullo zero, aiutando a velocizzare il processo con della semplice acqua calda. Si potranno usare degli stracci imbevuti nell’acqua ad alte temperature, aiutando a sciogliere rapidamente il ghiaccio formatosi.

In attesa che il frigo si sbrini, si potrà procedere alla pulizia di ogni reparto, estraendo ogni cassetto, da pulire con acqua calda e bicarbonato, così da igienizzarlo e proteggerlo dai cattivi odori. Dopo aver pulito e sbrinato il frigo si potrà passare al congelatore, che rappresenta la parte più ostica. L’ultima fase prevede infine la riaccensione del frigo, regolando nuovamente il termostato, inizialmente a un livello superiore a quello precedente, così da farlo raffreddare in fretta e inserire nuovamente gli alimenti. Una volta completata questa fase, si potrà riportare il tutto alla normalità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I consigli per pulire i termosifoni e farli funzionare meglio

  • Bonus facciata: come ottenere il 90% del rimborso per la ristrutturazione della casa

  • Il termocamino, l'alternativa efficiente agli impianti di riscaldamento tradizionali

  • Riscaldamenti: come risparmiare in bolletta anche quando le temperature scendono

  • Le orchidee: i consigli per prendersi cura di una pianta bella e delicata

  • Vermi bianchi in casa: come eliminarli

Torna su
PisaToday è in caricamento