Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Alla scoperta della chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri

Torna a Alla scoperta della chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri

Commenti (3)

  • Questa è Pisa, questi sono i pisani che hanno fatto in modo da ridurre pisa così. Non ci lamentiamo, siamo quello che ci meritiamo. La città siamo noi, il sindaco, il prefetto e il questore. Queste sono le persone che abbiamo voluto che ci gestissero, questo è il risultato che abbiamo ottenuto. Il resto sono chiacchiere

  • Avatar anonimo di daniele
    daniele

    altro che alla scoperta della chiesa!! condivido in pieno quanto scritto dal lettore carlo. la chiesa, oltretutto vergognosamente perennemente chiusa al pubbilco è ricettacolo giorno e notte, sui gradini e dietro, di gente che bivacca, piscia e insozza i muri. quella chiesa contiene tesori inestimabili, i vessilli della battaglia di lepanto e altro, che in qualsiasi paese civile sarebbero a disposizione visiva di tutti. qui a disposizione c'è solo la gradinata, si ma per ubriachi, abusivi e vandali. altra vergogna pisana. anche stamani decine di turisti provavano come sempre a spingere la porta serrata, increduli. disse proprio bene il sommo poeta: ...pisa vituperio delle genti del bel paese là dove il si suona, poichè i vicini a te punir son lenti, muovasi la capraia e la gorgona e faccian siepe ad arno in sulla foce, si che s'anneghin in te ogni persona..."

  • La chiesa è molto bella. Non meriterebbe di essere degradata ad orinatoio degli ubriachi della mala movida, che utilizzano il muro esterno della fiancata della chiesa, incitati dalla scritta "pisciate sui muri".

Torna su
PisaToday è in caricamento