Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Sciopero per il clima, in 5mila in piazza: "Siamo sull'orlo di una crisi, bisogna agire in fretta"

Cittadini, studenti e associazioni hanno manifestato per chiedere azioni concrete contro il cambiamento climatico
Torna a Sciopero per il clima, in 5mila in piazza: "Siamo sull'orlo di una crisi, bisogna agire in fretta"

Commenti (11)

  • Ma con questi commenti dove vogliamo andare? Muovetevi, confrontatevi con le realtà in Europa che hanno applicato soluzioni concrete per l ecosostenibilita. Con questa gente che commenta possiamo ambire solo alle idropulitrice e gli apini in piazza dei miracoli ed ad un demenziale confronto con la mitica cascina.... Fate pena con questi commenti provinciali (tranne il commento di Daniele che era fuori da questa marmaglia)

  • queste pagliacciate stile arcobaleno servono solo a bloccare le città e la gente che deve lavorare, al pari di altre idiozie tipo la corsa ciclistica che giovedì mattina ha paralizzato aurelia nord e strade attorno per due ore. il clima non lo cambia certo una piccola invasata svedese con gli occhi spiritati e nemmeno fiumi di gente che dovrebbero essere a lavorare e studiare. gli scioperi hanno sempre fatto solo danni e nient'altro. il pianeta si salva solo col senso civico (vero), con leggi severissime su chi insozza, dalla sigaretta alla discarica industriale. senza sconti! a singapore chi butta un chewingum in terra si becca 100 dollari. è la città più pulita del mondo. a questo ci dovrebbero pensare solo i politici, non a bruxelles ma nei singoli comuni. il problema è che di politici, veri, "conformi alle sani arti di governo" o veramente e realmente dediti e votati alla "polis" non ne esistono, soprattutto in questo sciagurato paese...

    • Certo, il cambiamento climatico è dovuto ai troppi chewingum buttati in terra. Inoltre nella storia dell’umanità gli scioperi non hanno mai portato a nulla, è noto. Invece è una tragedia se nelle 8.760 ore che compongono un anno, 2 (DUE), pari allo 0,0002%, vengono dedicate a far passare sull’Aurelia le bici e non le auto. Tua madre ha anche figli normali?

    • Un messaggio di una tristezza infinita. La vita tutta lavoro, studio e sacrificio qui sopra evocata mette i brividi.....un consiglio: la prossima volta che da Pisa transita la Tirreno-Adriatico (competizione ciclistica mondiale che si corre da un secolo con i maggiori campioni del pedale partecipanti) mi dia retta, si fermi, faccia un bel respiro e si goda lo spettacolo colorato....magari stacca 10 minuti da una vita grama

    • Facile delegare! Se si rileggesse un po’ di storia passata e recente capirebbe che scioperi e manifestazioni hanno cambiato il mondo (nel bene e nel male). Le consiglio inoltre di non pensare solo al lavoro e, se proprio non vuole partecipare alla manifestazione, si iscriva almeno alla corsa ciclistica della domenica. Cordialità

      • Che vuoi fare con questi zotici. Parlano ma non sanno nulla, pensano di avere risposte per tutto ma sono i famosi analfabeti che ci stanno bloccando. Questi manderei via....

  • Visto che i nostri politici, nazionali e locali, non hanno ancora compreso la gravità della situazione e non sono in grado di pianificare un futuro diverso da quello che si prospetta, forse dobbiamo sforzarci noi, di trovare gli obiettivi che vogliamo vedere raggiunti, nei tempi che pensiamo necessari. Scrivere l'agenda del cambiamento che vogliamo vedere. Localmente, potremmo puntare ad una città totalmente/comodamente ciclabile e all'incentivazione del trasporto pubblico economico ed elettrico. Se non ci muoviamo, i nostri prossimi grandi muri, potremmo doverli costruire per contenere squilibri naturali inediti.

    • Concordo.

  • Economia mondiale va avanti , come sempre . Econ le manifestazioni nessuno e' im grado di fermare il mondo commerciale ef industriale, Allora tornatevene a casa ed andate a scuola che e,. Meglio

  • signor fracasso che cosa consiglierebbe di fare?????? ma dia risposte di fatti concreti e non di parole.......se pensa che siano fattivamente realizzabili......

    • Intanto primo passo fondamentale è e rendersi conto che che il problema esiste e che coinvolge tutti noi, perché siamo - purtroppo o per fortuna - tutti sulla stessa barca!

Torna su
PisaToday è in caricamento