A giugno il prof. Acquisti in Italia al Cnr di Pisa per una lectio magistralis

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Chi era al Privacy Day Forum, ha potuto apprezzare i contenuti esposti dai molti relatori autorevoli, ma avrà provato anche un senso di frustrazione quando il videocollegamento con Alessandro Acquisti si è bloccato sul più bello. Proprio per rimediare a questo "incidente", il prof. Acquisti, ha confermato che il 20 giugno terrà una lectio magistralis al CNR di Pisa, stavolta di persona, per evitare imprevisti.

Il Prof. Alessandro Acquisti, docente di economia della privacy negli Stati Uniti all'Heinz College della Carnegie Mellon University di Pittsburgh in materia di privacy e comportamenti online degli utenti, con i suoi studi ha ridefinito le convinzioni abituali intorno al senso comune della privacy, arrivando perfino a dimostrare come gli uffici del personale arrivano a mostrare discriminazioni e sono influenzati nelle loro decisioni di assumere o meno un dipendente a seconda delle informazioni e delle immagini che trovano nei profili facebook degli stessi candidati per il posto di lavoro. (vedasi conferenza tenuta al TED)

Sarà quindi di estrema importanza partecipare alla lezione di Acquisti per gli addetti ai lavori che di privacy se ne occupano quotidianamente, perchè da noi in Italia la privacy è stata per anni percepita come una burocrazia noiosa e dei documenti da firmare nel rispetto della legge che la tutela, ma adesso gli scenari presentati e documentati dal professor Acquisti nelle sue ricerche concretizzano scenari completamente nuovi, e più complicati, gestibili solo da professionisti specializzati nel settore.

In attesa di rendere noti i dettagli del programma della lezione del Prof. Acquisti al CNR, chi è interessato a partecipare il pomeriggio di venerdì 20 giugno può già inviare una mail di manifestazione di interesse a formazione@federprivacy.it .​

Torna su
PisaToday è in caricamento