Abbandono rifiuti a Castelfranco: "Chi sporca si ingegna per non farsi scoprire"

L'amministrazione insiste con i controlli, ultimo caso alcuni sacchi neri lasciati a bordo strada in via dei Tavi: "Continueremo a contrastare questa inciviltà"

Nei giorni scorsi la Polizia Municipale di Castelfranco di Sotto ha individuato la presenza di alcuni sacchi neri abbandonati insieme ad altro materiale nelle piazzole a bordo strada di via dei Tavi, presso l’ex maneggio dei cavalli. Gli agenti hanno analizzato il contenuto per cercare di risalire agli autori dell’illecito. Nei quattro sacchi sono stati rinvenuti rifiuti mescolati di varie tipologie, tra cui potature di olivo. Poco più avanti è stato ritrovato un altro sacco abbandonato contenente vestiti. Sono stati quindi allertati gli operai comunali per provvedere alla rimozione del materiale abbandonato.

Per il momento non sono emersi elementi utili all’individuazione dei responsabili dell’abbandono, ma si continua ad indagare e monitorare le zone più soggette a questo tipo di gesti. "Abbiamo implementato il sistema di vigilanza sul territorio e la nostra attenzione sull’abbandono indiscriminato di rifiuti è sempre alta - ha commentato il sindaco di Castelfranco, Gabriele Toti - ma è difficile poter controllare un comune vasto come Castelfranco e purtroppo l’inciviltà delle persone continua a perpetuarsi. La Polizia Municipale è sempre pronta ad intervenire e predisporre la rimozione da parte degli operai addetti per evitare che alcune aree, prese particolarmente come bersaglio, diventino discariche a cielo aperto".

"Spesso siamo riusciti ad individuare i responsabili di questi atti incivili che rovinano la bellezza paesaggistica e il decoro di zone importanti del nostro paese, ed è subito scattata la sanzione di 500 euro - ricorda l’assessore all’Ambiente Federico Grossi - ma sembra che adesso chi compie questi gesti stia più attento a non lasciare niente che riconduca alla sua identità. E' veramente triste che le persone s’ingegnino anche per farla franca, quando ci sono sistemi di raccolta porta a porta che funzionano benissimo. Vuol dire non avere rispetto alcuno verso il proprio territorio, verso gli altri cittadini che s’impegnano a mantenere pulito l’ambiente in cui vivono. Noi continueremo a contrastare questo atteggiamento, non ci diamo per vinti".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il carrello pieno alle casse automatiche pagano un solo articolo: arrestati

  • Investita dal treno alla stazione di Firenze Rifredi: morta 21enne di Pontedera

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 12 e 13 ottobre

  • Supermercati: nuovo punto vendita Conad a Santa Croce sull'Arno

  • Lutto a Pisa: è morto l'ex sindaco Oriano Ripoli

  • La pizza di Luca D'Auria riconosciuta dal Gambero Rosso

Torna su
PisaToday è in caricamento