Abusò della figlia della compagna: 22 anni al sergente-orco

L'uomo era stato arrestato lo scorso maggio dopo essere stato individuato grazie ad alcune foto della bambina pubblicate su siti pedo-pornografici. E' stato processato e condannato dalla Corte Marziale americana

Ventidue anni di carcere al militare americano di base a Camp Darby che lo scorso maggio era stato arrestato per aver ripetutamente abusato della figlia della sua compagna, una bambina di soli sette anni. Il sergente, dopo essere stato recluso nel carcere di Sollicciano, è stato processato dalla Corte Marziale americana che ha inflitto la condanna.

La violenza sessuale era stata individuata grazie a una denuncia di Telefono Arcobaleno che ha fatto scattare le indagini, alle quali hanno partecipato il Nucleo investigativo telematico della procura di Siracusa, i Carabinieri della base Usa di Camp Darby e il Ncis, il servizio investigativo della Marina degli Stati Uniti.
Le indagini hanno avuto una svolta quando una maestra di una scuola toscana, tra le molte interpellate dagli investigatori, ha riconosciuto da alcune immagini, che il militare aveva pubblicato su siti pedofili, la sua alunna, consentendo così di risalire all'esatta identità della bimba, che così è stata sottratta al suo aggressore. Proprio esaminando immagini di abusi su bambini, Nit di Siracusa e personale del Ncis americano hanno riconosciuto sullo sfondo un particolare riconducibile alle Spiagge Bianche di Rosignano (Livorno), poi hanno individuato dalla scena un gadget dei 'Gators', gruppo sportivo dell'Università della Florida: è stato questo elemento ad orientare gli investigatori verso la base americana di Camp Darby.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 9 e 10 novembre

  • Via Caruso: incendio nella facoltà d'Ingegneria

  • Forti temporali in arrivo: allerta meteo arancione

  • Corso Italia: inaugurato il nuovo negozio Dan John

  • I consigli per pulire i termosifoni e farli funzionare meglio

  • Al Cep l'ultimo saluto alla giovane morta al rave party

Torna su
PisaToday è in caricamento