Freddo: dal 2 novembre si accendono i riscaldamenti nelle scuole

Sono stati sostituiti nel frattempo 23 impianti su 60 nell'ottica del risparmio energetico e della prevenzione dei guasti

Saranno accesi dal 2 novembre gli impianti di riscaldamento in tutte le scuole cittadine di Pisa.
In questi giorni si stanno completando le verifiche con collaudi e preaccensioni in tutti gli istituti.

Nel corso dei mesi estivi è iniziato il piano di riqualificazione energetica sugli edifici, previsto dalla gara di appalto del servizio manutenzione vinto dalla ditta Engie Spa (ex Cofely) e già 23 impianti su 60 esistenti sono stati riqualificati attraverso la sostituzione delle caldaie, delle pompe e dei vari collegamenti idraulici ed elettrici.

“Un investimento importante di oltre 370.000 euro finanziato in buona parte con il risparmio energetico che la sostituzione delle caldaie e gli interventi di efficientamento rendono possibile - ha sottolineato l’assessore ai Lavori Pubblici Andrea Serfogli - oltre al risparmio a valere nel tempo sul bilancio del Comune, l’intervento preverrà guasti e disagi che purtroppo in passato in alcuni casi si sono verificati e contribuirà in maniera significativa alla riduzione delle emissioni di Co2 in linea con il Paes (Piano d'azione per l'energia sostenibile ) che il Comune di Pisa ha adottato”.

Le nuove istallazioni prevedono caldaie a condensazione o, dove la distribuzione non lo consente, con rendimenti comunque molto alti, e nuove pompe per spingere il fluido caldo negli elementi radianti presenti nei vari locali.
Oltre a questo è stato previsto il completo rifacimento della telematica, quindi il controllo a distanza sia del corretto funzionamento dei vari impianti sia della possibilità di impostare gli orari di accensione e spegnimento da postazione remota, senza andare sul posto.
Non ultimo l’aspetto delle emissioni dei prodotti inquinanti: le caldaie a condensazione, che sono state scelte nell’appalto in questione, garantiscono una riduzione degli ossidi e biossidi di carbonio e azoto dai 7 alle 10 volte superiori a quello delle caldaie tradizionali. Quindi l’uso del metano, di per sé un combustibile pulito rispetto ad altri combustibili fossili, unito all’impiego di questo tipo di caldaie, garantisce il miglior connubio per il risparmio energetico e la riduzione delle emissioni.   

E’ inoltre prevista una ulteriore trance di interventi su tutti gli altri impianti, da eseguire durante i periodi di fermo, quindi nel corso delle vacanze natalizie o dopo il prossimo 15 aprile.

Su tutti gli altri impianti sono in corso le verifiche di funzionamento e le preaccensioni.

Gli impianti al momento sostituiti si trovano:

·         Scuola media Toniolo- succursale ed elementare Toti

·         Scuola elementare Novelli

·         Scuola elementare N Sauro e scuola materna Conti ( succursale)

·         Scuola elementare Biagi

·         Nuovo asilo e scuola materna di via di Puglia

·         Complesso scolastico De Sanctis

·         Scuola media Fibonacci

·         Scuola media Mazzini

·         Scuola elementare Battisti

·         Scuola materna Gianfaldoni

·         Scuola elementare Viviani

·         Scuola media Toniolo

·         Scuola elementare Cambini

·         Scuola media Gamerra succursale

·         Scuola elementare Moretti

·         Scuola media N. Pisano

·         Scuola elementare Zerboglio

·         Asilo nido Rosati

·         Scuola elementare D. Chiesa e scuola materna Rodari

·         Scuola media e materna Galilei

·         Scuola elementare Rismondo

·         Scuola elementare Parmini e scuola materna De Andrè

·         Palestra scuola Fucini

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cisanello, tragico tamponamento tra auto: neonato perde la vita

  • Lungarno Pacinotti: cede la paratia e precipita dalle spallette

  • Muore in bici travolto da un'auto

  • Travolto in bici da un'auto: la vittima aveva 22 anni

  • A Marina di Pisa sbarca il 'tempio' degli hamburger di qualità

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 15 e 16 febbraio

Torna su
PisaToday è in caricamento