Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna e Polo Tecnologico di Navacchio insieme

L'obiettivo dell'accordo è quello di favorire la competitività sul mercato italiano ed estero, valorizzando e trasferendo tecnologie e soluzioni innovative alle imprese per la crescita e il miglioramento del sistema socio-economico del territorio

Ricerca e impresa oggi più che mai si incontrano e si stringono la mano, per collaborare ed integrare i propri sforzi volti a trasferire tecnologie e soluzioni innovative di potenziale interesse del mercato alle aziende, sia operanti a livello locale sia a PMI e/o grandi imprese operanti su mercati internazionali.

Secondo una logica di integrazione delle competenze, e con la finalità di rafforzare l'offerta rappresentata da un sistema di PMI ad alto contenuto di know-how tecnologico e da un sistema di laboratori di ricerca fra i più qualificati a livello nazionale e internazionale, Polo Tecnologico di Navacchio e l’Istituto di Biorobotica intendono operare insieme per valorizzare e trasferire i risultati della ricerca scientifica per lo sfruttamento industriale, a beneficio della comunità e delle imprese, con la finalità di favorire il pieno sfruttamento delle potenzialità della ricerca pubblica e l'incremento della competitività delle imprese italiane.

L’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna, attraverso l'ingegneria, la meccatronica, la robotica e sistemi avanzati 'intelligenti' ispirati al mondo vivente, è fonte inesauribile di spunti per la realizzazione di applicazioni utili all'uomo, Il Polo Tecnologico Navacchio, grazie alla pluriennale esperienza nel settore dell’Incubazione e dell’accelerazione delle start up innovative, e in qualità di integratore fra l'offerta di innovazione e la domanda proveniente dall'Industria e dai Territori, potrà facilitare lo sbocco dei risultati della ricerca prodotti all'interno dell’ Istituto verso l'industria, individuando iniziative strutturate di incontro fra domanda e offerta di innovazione e attraverso azioni di scouting.

Obiettivo comune favorire lo sviluppo dell’innovazione per la creazione di nuovi prodotti/servizi volti alla crescita e al miglioramento del sistema socio-economico del territorio attraverso la competitività delle proprie imprese.

 “Siamo partiti da un problema di base - spiega Paolo Dario, direttore dell'Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna - spingere le nuove imprese a crescere e fare in modo che creino condizioni di trasferimento di posti di lavoro e ricchezza. Per far questo occorre l'impegno di tutti gli attori dell'ecosistema regionale e nazionale, affinchè le competenze, di cui la Toscana, e Pisa in particolare, sono ricche, grazie al sistema della ricerca e dai ricercatori, possano essere sfruttate appieno dalle imprese".
“Perché le imprese possano crescere e diventare a loro volta risorse del territorio - ribadisce Alessandro Giari, direttore generale del Polo Tecnologico di Navacchio - dobbiamo rendere più costruttiva la modalità di collaborazione con i sistemi di eccellenza per creare nuova impresa innovativa a partire dalla ricerca e dagli spini-off, ecco il perché di questo accordo, che sarà anche uno strumento di lavoro importante per l’azione di scouting a livello nazionale che, attraverso il nostro Parco Tecnologico, verrà portata avanti da Apsti Servizi, il braccio operativo dell’Associazione dei Parchi Scientifici e Tecnologici Italiani”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale a Peccioli: morta una donna

  • Maltempo: codice giallo per temporali nelle zone interne orientali della Toscana

  • Si sente male in agriturismo: morto

  • Condizioni igieniche precarie e cibo senza tracciabilità: chiuso ristorante a Calambrone

  • Cascina: il corpo di un 64enne ritrovato dietro la chiesa dell'Arnaccio

  • Alcol e droga a 16 anni: ricoverata in gravi condizioni

Torna su
PisaToday è in caricamento