Sfottò e flash mob di protesta: "Pisa mai sotto Livorno"

Una cinquantina di persone hanno organizzato un flash mob in piazza Vittorio Emanuele, per protestare contro l'ipotesi che Pisa finisca in provincia di Livorno

Dopo gli striscioni dei tifosi nerazzurri è arrivato anche il flash mob pisano per protestare contro l'ipotesi che la città della Torre finisca in provincia di Livorno, a cusa degli accorpamenti e tagli conseguenti alla spending review. Una cinquantina di persone, vestite di rossocrociato con i colori della repubblica pisana, hanno sfidato l'afa di luglio per stazionare in piazza Vittorio Emanuele, di fronte al palazzo della Provincia.

Così tra sfottò, discussioni e volantini si continua a ribadire il "no" al decreto governativo. Ieri i manifestanti indossavano magliette con le frasi tipiche del campanilismo e dei derby calcistici, come: "Grazie a Dio non sono livornese".
"Se davvero Pisa finisse sotto Livorno - ha riferito una signora agguerritissima - sarei pronta a restituire la mia carta d'identità, perché io livornese proprio non voglio diventare. Piuttosto meglio andare a vivere a Lucca".
 

Potrebbe interessarti

  • Estate in spiaggia ma occhio agli altri: ecco il bon ton del Codacons

I più letti della settimana

  • Incidente stradale a Peccioli: morta una donna

  • Maltempo: codice giallo per temporali nelle zone interne orientali della Toscana

  • Si sente male in agriturismo: morto

  • Alcol e droga a 16 anni: ricoverata in gravi condizioni

  • Due lievi scosse di terremoto a Castelnuovo Val di Cecina

  • Condizioni igieniche precarie e cibo senza tracciabilità: chiuso ristorante a Calambrone

Torna su
PisaToday è in caricamento