'Amgen Scholars': prestigiosa borsa di studio vinta da allievo del Sant'Anna

Solo 21 giovani in Europa possono usufruire del beneficio, e Giulio Deangeli, al secondo anno di Scienze mediche, è uno dei 3 italiani a farlo. Adesso studia e fa ricerca a Cambridge

Un allievo del secondo anno di scienze mediche del Sant'Anna, Giulio Deangeli, si è aggiudicato una delle 21 borse di studio 'Amgen Scholars', finanziate dall'omonima multinazionale americana nel settore delle biotecnologie, per effettuare un periodo di ricerca sperimentale di due mesi, fino a settembre 2016. Con l'allievo della Scuola Superiore Sant’Anna trascorrono questo periodo all'Università di Cambridge altri 20 studenti selezionatissimi provenienti da tutta Europa, di cui soltanto altri due italiani.

Nel soggiorno a Cambridge, ottenuto grazie al successo nella competizione internazionale per ottenere una delle borse di studio, Giulio Deangeli è impegnato nel laboratorio della professoressa Maria Grazia Spillantini, docente di Neurologia molecolare, allieva del premio Nobel per la medicina e la fisiologia Rita Levi-Montalcini. A Cambridge l'allievo di medicina alla Scuola Superiore Sant'Anna indagherà i meccanismi patogenetici della malattia di Parkinson, dedicando i suoi studi all'alfa-sinucleina.

Il programma 'Amgen Scholars' prevede che, alla sua conclusione, si tenga un simposio, con quattro giornate di lavori e di incontri a Cambridge, a cui sono invitati a partecipare gli studenti vincitori delle borse di studio 'Amgen Scholars' impegnati nel Regno Unito e in altre sedi europee come Istituto Pasteur a Parigi, ETH a Zurigo, Karolinska Institutet a Stoccolma, LMU a Monaco di Baviera. In questo simposio gli allievi con borsa di studio Amgene e quindi lo stesso Giulio Deangeli presenteranno il loro progetto di ricerca.

Giulio Deangeli è arrivato al Sant'Anna con l'alloro di campione nazionale e vicecampione mondiale delle Olimpiadi delle Neuroscienze 2013. Nel 2014 si è classificato primo al concorso di ammissione alla Scuola Superiore Sant'Anna e riportò il punteggio più alto al test di ammissione al corso di laurea in medicina e chirurgia dell'Università di Pisa. Nei successivi due anni Giulio ha effettuato significative esperienze di ricerca presso l'Istituto di Neuroscienze del Cnr a Pisa e presso l'Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) a Genova.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Bravo!

Notizie di oggi

  • Politica

    Scuola, unificazione dell'Itis 'da Vinci' e dell'Ipsia 'Fascetti': "Pesanti ricadute su personale e studenti"

  • Politica

    Una 'Beach Arena' per la squadra di Pisa a Fornacette, Nerini (Nap): "Perché non sul litorale?"

  • Cronaca

    Arno, con le piogge 'piccola piena': nessun allarme

  • Cronaca

    Volterra, il 2017 è l'anno delle opere pubbliche: "Porteranno valore alla comunità"

I più letti della settimana

  • Il delfino dell'Arno è malato: sarà riaccompagnato in mare

  • Visita sulle Mura Medievali: nuova apertura straordinaria gratuita

  • Viale delle Piagge, bocconi avvelenati: cani in pericolo

  • Università: gli atenei pisani fra i migliori d'Italia per l'Anvur nella ricerca

  • Peccioli, fuori strada con l'auto: paura per una ventenne

  • Santa Chiara e Cisanello, le addette alle pulizie in stato di agitazione: "Condizioni di lavoro disumane"

Torna su
PisaToday è in caricamento