Antincendio boschivo: attivo il centro operativo provinciale

Le linee guida condivise dalle istituzioni puntano a coordinare gli enti per una maggiore efficienza del sistema di risposta, insieme a sensibilizzare i cittadini

Si è svolto giovedì mattina in Prefettura un tavolo plenario delle componenti istituzionali ed associative in tema di antincendio boschivo (AIB). Al tavolo, coordinato dal viceprefetto vicario Nicola De Stefano, hanno partecipato il Dott. Francesco Grosera per la Regione Toscana, ente titolare di un’importante e prioritaria competenza in materia, che ha illustrato il piano provinciale territoriale AIB per la Provincia di Pisa, nonché le altre componenti che a vario titolo concorrono a realizzare le attività di prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi, in particolare i Vigili del Fuoco del Comando di Pisa e del CTR regionale, il presidente della Provincia Massimiliano Angori, le Forze dell’Ordine, gli enti locali, i rappresentanti dei gestori dei servizi essenziali e le associazioni di volontariato.

E' stata data ampia diffusione alle raccomandazioni e alle linee guida della Presidenza del Consiglio in tema di attività AIB, che invitano a promuovere e migliorare le attività di previsione, prevenzione e lotta attiva agli incendi boschivi, per rendere più efficiente nel complesso il sistema di risposta. Si è quindi proceduto ad una ricognizione delle attività che dovranno essere condotte in maniera sinergica e tempestiva nel corso delle operazioni di prevenzione e di spegnimento degli incendi: "Si è fatto particolare riferimento - si legge nella nota della Prefettura - alle risorse e mezzi, anche aerei, a disposizione, alle procedure di attivazione delle sale operative, al monitoraggio degli idranti presenti in provincia, funzionali ad un tempestivo approvvigionamento idrico; è stato inoltre fatto un bilancio dei recenti incendi, di natura dolosa e colposa, che hanno interessato la provincia, con particolare riferimento a quelli che hanno colpito il Monte Pisano".

Al tavolo è stato rappresentato che, dato il periodo di rischio incendi dal 1° luglio al 31 agosto, è in funzione il centro operativo provinciale antincendi boschivi (COP AIB) per le provincie di Livorno e Pisa, che costituisce il punto di riferimento operativo più immediato per tutte le componenti AIB provinciali. Sul fronte delle attività di prevenzione non strutturali, è stata sottolineata "l'importanza di sensibilizzare i cittadini all'adozione di comportamenti che aiutino a ridurre gli incendi causati dall'azione umana, mentre per quanto riguarda le attività di prevenzione strutturali l'accento è andato sulla gestione, la pulizia e la manutenzione delle aree boschive e di interfaccia, a cura delle amministrazioni competenti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L’incontro svolto in Prefettura - ha commentato il Prefetto di Pisa Giuseppe Castaldo - ha inteso sottolineare l’importanza dell’attività di prevenzione e di controllo del territorio, assieme alla necessità di un incisiva e strategica azione di coordinamento fra tutte le componenti istituzionali del sistema di intervento. Voglio esprimere il mio più vivo apprezzamento per l’impegno e la grande collaborazione istituzionale di tutte le amministrazioni e i soggetti coinvolti nel rafforzare il quadro degli strumenti di contrasto agli incendi boschivi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spiagge di ghiaia a Marina, alga tossica 6 volte oltre i limiti: "Fate attenzione"

  • Scuola, nuovo incontro per la ripartenza: si va verso il prolungamento della didattica a distanza

  • Coronavirus in Toscana, 9 casi in più e zero decessi nelle ultime 24 ore

  • Consegna a domicilio di cocaina: in manette due fratelli pusher

  • Coronavirus, sette nuovi casi: nessun positivo in più a Pisa

  • Coronavirus in Toscana: 19 nuovi casi, ultimo paziente in terapia intensiva

Torna su
PisaToday è in caricamento