Caso Ragusa, la sentenza: condanna a 20 anni per Antonio Logli

Confermata la sentenza di primo grado di omicidio e distruzione di cadavere

(foto d'archivio)

Il secondo grado della Corte d'Assise d'Appello di Firenze ha deciso: per la giuria Antonio Logli ha ucciso Roberta Ragusa e ne ha distrutto il cadavere. Confermata la pena del primo grado, cioè 20 anni di reclusione. La decisione è arrivata alle 18, dopo oltre 6 ore di camera di consiglio.

La Corte ha anche confermato per l'uomo l'obbligo di residenza nel comune di San Giuliano Terme e il divieto di allontanarsi dalla provincia di Pisa dalle 21 alle 6. La pubblica accusa aveva chiesto alla Corte invece che, in caso di condanna, fosse disposta la misura di custodia cautelare.

L'udienza è iniziata stamani, 14 maggio, dove si era interrotta lo scorso 28 marzo, cioè con l'intervento del secondo avvocato di Antonio, Saverio Sergiampietri, dopo la lunga esposizione del collega Roberto Cavani di quasi un mese fa. La Procura non ha voluto replicare, mentre lo hanno fatto le parti civili. E' seguito l'ultimo intervento di Cavani, con poi la camera di consiglio partita alle 11.30.

Il verdetto negativo per Logli, certamente, sarà impugnato in Cassazione.

Potrebbe interessarti

  • Aperitivi e cocktail estivi: 5 proposte da Marina a Calambrone

  • Attenzione al ragno violino: come difendersi dal suo morso

  • Mantenere puliti i capelli: le abitudini più comuni da evitare

  • Come pulire e igienizzare i bidoni della spazzatura

I più letti della settimana

  • Tutti con gli occhi al cielo: arriva l'eclissi di Luna

  • Scooter contro auto: muore 18enne

  • Incidente stradale sull'Arnaccio: due persone in ospedale

  • Ricerche per una donna dispersa in mare: ritrovata sulla spiaggia di San Rossore

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 13 e 14 luglio

  • Logli condannato a 20 anni: "Non è giusto, non ho fatto nulla"

Torna su
PisaToday è in caricamento