Apertura della scuola: il saluto del sindaco di Pontedera Simone Millozzi

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

In queste ore comincia un nuovo anno scolastico per centinaia, migliaia di bambini e di ragazzi. C’è l’emozione del rientro in classe, c’è chi comincia una nuova fase di studi, chi cambia scuola, chi passa ad una nuova fase della carriera scolastica. A tutti voi giunga il mio augurio e il mio saluto. Buon anno, scuola! Buon  anno ad  insegnanti, studenti e genitori. Buon anno a tutto il personale della scuola. L’inizio di ogni anno scolastico è un fatto consueto ma utile a riflettere sulla scuola e su tutti quelli che le stanno vicino pedagogicamente. Significa innanzitutto valorizzare il lavoro quotidiano dei docenti e trovare modi perché nessun ragazzo si disperda, capire come le risorse assegnate alla scuola sono investimenti e non sprechi. Mai come oggi ciò è importante. I comuni sono spesso oggi chiamati, unico interlocutore istituzionale davvero vicino ai cittadini, a surrogare le assenze di altri soggetti. I tagli del Governo che hanno così duramente colpito il sistema scuola producono effetti che ricadono sul territorio. E i genitori si rivolgono giustamente ai comuni. Noi ci siamo e ci saremo. Pur se oberati dal peso principale dei tagli abbiamo dimostrato quanto sia importante e strategica la scuola per noi. Il Comune di Pontedera ha investito più di un milione di euro nel rifacimento del tetto della scuola Pacinotti, anche attraverso l’Unione della Valdera. In questo quadro abbiamo inoltre salvaguardato e anzi aumentato le sezioni di scuola materna su tutto il territorio della Valdera, nonostante anche qui la soppressione già decisa dal Ministero dell’Istruzione. E grazie all’Unione sono stati limitati gli effetti drammatici dei tagli che i territori locali stanno subendo in questa logica poco oculata di tagli indiscriminati. Famiglie, giovani, meno abbienti, pagano duramente i tagli fatti ai territori che sono quelli che più di altri erogano servizi ai cittadini.

Noi abbiamo anche avviato iniziative nuove insieme al mondo della scuola: quest’anno in partirà l’iniziativa “scuola senza zaino”, ad esempio. E non abbiamo mai voluto rinunciare a premiare i centisti, ad esempio, o a promuovere lo sport tra i giovani (sport in cartella). Il Comune crede nell’importanza della scuola e della formazione per il futuro della nostra comunità. Ci opporremo con tutte le nostre forze alla strada, già intrapresa, di de-qualificazione del nostro sistema pubblico d’istruzione e al tentativo di diminuire il livello di qualità raggiunto dal nostro sistema scolastico.

Don Milani diceva che la scuola e la conoscenza rendono libero l’uomo, anche il più umile. Oggi forse non è più sufficiente studiare per essere liberi ma sicuramente è necessario aver studiato se si vuole essere liberi. Buon anno scolastico a tutti.

Il sindaco di Pontedera
Simone Millozzi

Torna su
PisaToday è in caricamento