La cura del paziente controllata con un'App: in corso la sperimentazione

L'Aoup sta valutando l'utilizzo di 'BCure', che tramite lo smartphone potrà verificare in tempo reale le condizioni dei pazienti ed intervenire con correzioni mirate

Monitorare l’andamento della propria salute in ogni momento e intervenire in tempo reale con terapie e correzioni mirate. Si potrà fare con una App. Si chiama 'BCure' l'applicazione per smartphone costruita in Estar dall’Unità operativa Sviluppo software: consente al paziente e a tutti gli altri attori coinvolti nel suo processo di cura (familiare o care-giver, medico di famiglia, assistenza domiciliare integrata, medico specialista) di introdurre tutti gli indicatori di salute utili al suo monitoraggio, di verificare l’aderenza terapeutica (assunzione autonoma/somministrazione della terapia domiciliare), il rilevamento di parametri biometrici, l’osservanza dei protocolli terapeutici, la gestione della dieta, l’attività sportiva effettuata, gli effetti dello stile di vita sul sonno, con il risultato di un controllo completo sul proprio andamento clinico quotidiano.

"Il paziente è pensato al centro del processo di cura - spiega in una nota l'Aoup - dal paziente con patologie croniche, al parente che necessita di verificare a distanza lo stato di salute e le attività svolte da un familiare anziano fragile, al giovane interessato a registrare i suoi percorsi di salute a fini sportivi, al paziente comune reduce da episodi di ricovero o semplici accessi ambulatoriali". L’utente, o il suo caregiver tramite l’App, direttamente sul proprio smartphone, registra in modo automatico (con sensori o strumentazioni) o manuale valori relativi alle misurazioni effettuate (temperatura, pressione arteriosa, glicemia ecc.), alle terapie assunte, all’attività fisica effettuata, alla dieta seguita, oltre al giudizio sulla qualità del sonno, sulla gestione del dolore, lo stato dell’umore e qualsiasi altra informazione prevista dai propri protocolli di salute.

Tutti i dati, a diversi livelli, sono direttamente disponibili per il medico di medicina generale, il medico specialista e tutti gli attori che concorrono al processo di diagnosi, cura ed assistenza. A seconda del livello di interazione impostato, aumentano i parametri da inserire e il numero di soggetti abilitati alla lettura e alla scrittura sull’App, che è interconnessa con la cartella clinica (in questo caso, Pleiade) e quindi è possibile visualizzare anche tutti i dati relativi al ricovero e la lettera di dimissione ospedaliera.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questa App è attualmente in fase di test in Aoup e verrà via via adottata nelle diverse specialità per un utilizzo sempre più esteso, specie nelle categorie dei pazienti 'fragili', per i quali può costituire un valore aggiunto nell’ottimizzazione del processo di cura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella sanità pisana e mondiale: è morto il professor Franco Mosca

  • Coronavirus: ricercatori Aoup svelano una possibile correlazione con l'infiammazione della tiroide

  • Coronavirus: stop alla distribuzione gratuita delle mascherine nelle farmacie

  • Coronavirus in Toscana, 12 nuovi casi: nel pisano 2 positivi in più e nessun decesso

  • Pratale-Don Bosco: muore in casa a 37 anni

  • Perde il controllo e si ribalta: il conducente esce prima che le fiamme distruggano l'auto

Torna su
PisaToday è in caricamento