L'Arcivescovo Giovanni Paolo Benotto in visita a Calcinaia

Ha partecipato al consiglio comunale aperto del 22 settembre. Ha incoraggiato gli amministratori a mettersi al servizio della comunità, ribadendo il valore e la necessità di rimettere al centro il bene comune, specie per le nuove generazioni

Costituzione, democrazia e bene della collettività. Sono stati questi i temi portanti del partecipato consiglio comunale aperto di martedì 22 settembre, che ha visto nella sala consiliare di Calcinaia la presenza dell'Arcivescovo S.E. Mons. Giovanni Paolo Benotto, in occasione della sua visita pastorale in Valdera.

"È per me un onore poter essere ospite di questa assemblea consiliare - ha dichiarato l’Arcivescovo - in questa visita pastorale sto infatti cercando di incontrare tutte le realtà presenti sul territorio, sia laiche che ecclesiali. In questo contesto vorrei innanzitutto incoraggiare gli amministratori a mettersi al servizio della comunità. Il loro ruolo è reso oggi ancora più difficile da un clima sociale e culturale che tende a minimizzare l'importanza di ciò che si può definire bene comune, obiettivo primario delle istituzioni laiche, ma anche religiose".

Un tema caro all'Arcivescovo: "E' proprio il concetto di bene comune che merita oggi più che mai di essere approfondito, valorizzato e comunicato ai più giovani. La Costituzione rappresenta un punto di partenza irrinunciabile per questo percorso: riflettere sui suoi valori fondanti, soprattutto coinvolgendo le nuove generazioni, è un modo per tornare ad 'alzare l’asticella', a proporre obiettivi alti, capaci di appassionare e interessare".

A ringraziare Mons. Benotto della sua presenza e a sottolineare la concreta sinergia che da tempo caratterizza i rapporti tra Diocesi e Comune è stato il sindaco Lucia Ciampi. "Fin dal mio insediamento - ha affermato - la collaborazione tra amministrazione e Diocesi è stata fattiva. Basti pensare all’acquisizione della Fornace Coccapani da parte del nostro ente, resa possibile con grande solerzia e disponibilità dalla stessa Diocesi. Si è trattato di un passaggio fondamentale per la successiva restaurazione e valorizzazione della struttura e dell’area circostante".

Grande attenzione sul fronte della solidarietà. Il sindaco: "La stella polare che da sempre ci guida come amministratori è l’attenzione alle fasce più deboli della società. I settori dell'istruzione e del sociale costituiscono infatti gli ambiti a cui destiniamo una fetta consistente del bilancio, risorse che si traducono in servizi, bonus, contributi diretti e assistenza. Anche sul fronte dell’accoglienza il nostro impegno è consistente: attualmente, sul nostro territorio, ospitiamo 12 giovani profughi, inseriti in percorsi ad hoc".

"L’auspicio - ha concluso il sindaco Ciampi - è a proseguire in percorsi comuni di condivisione e collaborazione in grado di coinvolgere le istituzioni pubbliche, il mondo della Chiesa, le associazioni e gli stessi cittadini, affinché ciascuno possa offrire il suo contributo per rispondere alla sfida della ricerca del bene comune, per riuscire a costruire una società solidale e fraterna".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il carrello pieno alle casse automatiche pagano un solo articolo: arrestati

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 12 e 13 ottobre

  • Supermercati: nuovo punto vendita Conad a Santa Croce sull'Arno

  • Incidente tra due auto e un camion all'ingresso della Fi-Pi-Li

  • Lutto a Pisa: è morto l'ex sindaco Oriano Ripoli

  • La pizza di Luca D'Auria riconosciuta dal Gambero Rosso

Torna su
PisaToday è in caricamento