Chiedono 150 euro per restituire il tablet e i cellulari rubati: arrestati

Il furto era avvenuto a Torre del Lago alcuni giorni fa. Venerdì l'operazione dei Carabinieri che ha portato all'arresto di due stranieri

Prima è stato derubato di una borsa con al suo interno un tablet Ipad e due telefoni cellulari Iphone. Poi è stato contattato da uno sconosciuto che si era detto disposto a restituirgli i beni sottratti in cambio della somma di 150 euro. Alla fine, a finire in manette, sono stati due senegalesi, rispettivamente di 33 e 22 anni che, trovati in possesso della refurtiva, sono stati accusati di furto aggravato e tentata estorsione e tradotti presso il carcere Don Bosco di Pisa, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Tutto era iniziato nel pomeriggio dello scorso 27 giugno quando un 36enne residente a Viareggio aveva denunciato, presso la stazione Carabinieri di Torre del Lago, il furto di una borsa con all’interno un tablet Ipad e due telefoni cellulari Iphone. La vittima, di ritorno dalla spiaggia, aveva per un attimo lasciato la borsa per ripulirsi dalla sabbia, quando un uomo di colore, con azione repentina, se ne appropriato, dandosi alla fuga.

Nel pomeriggio di ieri, venerdì 29 giugno, un amico della vittima ha ricevuto una telefonata da parte di uno sconosciuto il quale riferiva di essere in possesso del tablet e dei telefoni e di essere disposto a restituirli in cambio della somma di 150 euro, secondo la consueta tecnica del 'cavallo di ritorno'. Lo scambio è stato così organizzato presso la stazione ferroviaria di San Rossore, dove si sono presentati la vittima del furto ed il suo amico. Qui i due sono stati avvicinati da due extracomunitari, pronti a ricevere il danaro ed a restituire gli oggetti rubati.

La transazione è stata però seguita a distanza dai Carabinieri dell’aliquota radiomobile di Pisa e della compagnia di Viareggio che prontamente sono intervenuti bloccando i due e trovandoli in possesso della refurtiva. Dopo l'identificazione i due malviventi sono stati  accompagnati presso gli uffici del Comando Provinciale di Pisa ed arrestati per furto aggravato e tentata estorsione. Al termine delle formalità di rito sono stati tradotti presso la Casa Circondariale di Pisa, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • tranquilli ora ci pensa lo sceriffo Salvini...ma vedrai

  • via... io dico... diamogli fooo e festa finita... anche se è caldo non importa. Non ci fanno nullaaaa in questo paeseeee.

  • Son già liberi !!!

  • Chiedo prima l'asilo e poi i soldi del furto? 10-100-1000 Salvini!

  • Espulsione in poche ore di questa gentaglia! Fuori dalle balle i delinquenti che ci distruggono le macchine, il Ministro Salvini intervenga!

  • via subito, rimpatrio immediato

  • Boeri lo ha detto anche ieri! Ci pagheranno le pensioni perché nei 150€ vanno calcolate le tasse come IRPEF e versamenti INPS in generale, adesso ci sarà un ammanco.

Notizie di oggi

  • Politica

    Al via il primo Consiglio Comunale, ma è già scontro: seduta sospesa

  • Meteo

    Previsioni meteo a Pisa: torna a splendere il sole

  • Cronaca

    Caso Buscemi, in centinaia chiedono le dimissioni: "L'assessore resta al suo posto"

  • Cronaca

    Morte di Chiara, i genitori: "Allergie sottovalutate, se ne parli di più"

I più letti della settimana

  • Scomparsa Roberta Ragusa, la sensitiva: "E' nella Buca delle Fate"

  • Reazione allergica fatale dopo cena: muore ragazza di 24 anni

  • Morta per reazione allergica: le risposte dall'autopsia, c'è un indagato

  • Schiaffo a militare da venditore abusivo che voleva entrare in Piazza Duomo: "Episodi vergognosi"

  • Trekking sui Monti Pisani: i sei percorsi da fare assolutamente

  • Superstrada, tamponamento tra due mezzi pesanti: muore uno dei conducenti

Torna su
PisaToday è in caricamento