homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Operazione "Hot-Slot": la banda delle slot machine in manette

I militari dell'Arma dei Carabinieri sono entrati in azione alle prime luci del giorno per arrestare sei uomini, autori di numerosi furti alle macchinette da gioco nelle province di Pisa, Lucca, Firenze e Livorno

Una vera e propria task force di Carabinieri, con oltre 50 militari del Comando Provinciale di Pisa ed un elicottero del 4° elinucleo di Pisa, hanno concluso con successo l'operazione denominata "Hot Slot 2012". All'alba di oggi i militari sono intervenuti per dare esecuzione a 6 provvedimenti di cattura, nell'ambito di un'inchiesta della procura di Pisa, nei confronti di altrettanti romeni accusati di furti di slot machine e rame nelle province di Pisa, Livorno, Lucca e Firenze. Uno di loro è stato arrestato a Pavia, due al casello autostradale di Pisa Nord mentre stavano tornando da un viaggio nell'Italia settentrionale (dove a Cremona avevano messo su una base logistica) e gli ultimi tre presso il campo nomadi di San Giuliano Terme.

Secondo i Carabinieri, la banda (composta da G.D. di 32 anni, C.C. di 21 anni, C.S.C. di 24 anni, E.N. di 37 anni, F.Z. di 32 anni e M.A.T. di 19 anni) commetteva i furti seguendo sempre lo stesso modus operandi, caratterizzato da meticolosi sopralluoghi e scelta degli obiettivi. Poi, usando dei furgoni rubati, sfondavano le vetrate dei negozi per rubare le slot machine. Gli inquirenti sono convinti che i malviventi potessero contare su supporti logistici in Romania e nella provincia di Cremona. Il giro d'affari della banda era molto ampio anche perché i soldi illecitamente guadagnati con i furti venivano poi reinvestiti in altre attività criminali tra le quali lo sfruttamento della prostituzione e il traffico di sostanze stupefacenti.

I numeri dell’attività d’indagine sono racchiusi nei 12 capi di imputazione per il delitto di furto in concorso, rispettivamente configuratosi in 7 occasioni nella provincia di Pisa, in 3 occasioni nella provincia di Lucca, in una circostanza in provincia di Firenze e in un’altra ancora nella provincia di Livorno.

 

 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      Migranti, stop all'accoglienza della Ceccardi: a rischio il tavolo con la Prefettura

    • Cronaca

      Truffe: una task force per insegnare ai cittadini a difendersi

    • Cronaca

      A colpi di piccone danno l'assalto alle slot a Pontedera: arrestati a Firenze

    • Cronaca

      Si sente male dopo una partita di tennis: muore tassista

    I più letti della settimana

    • The Jungle, sospesa l'apertura dell'area concerti: "Le regole vanno rispettate"

    • Parà pisano travolge uno spettatore in spiaggia: entrambi feriti

    • Si sente male dopo una partita di tennis: muore tassista

    • Gioco del Ponte: l'edizione 2016 va a Mezzogiorno

    • Aurelia, auto si ribalta nella notte: 44enne perde la vita

    • Chiede soldi in più ai clienti: denunciato cassiere di un supermercato

    Torna su
    PisaToday è in caricamento