Riglione, botte ai Carabinieri per evitare il controllo: pusher in manette

Uno dei militari è stato costretto a ricorrere a cure mediche in ospedale. Lo spacciatore era stato sorpreso mentre cedeva eroina

E' finito in manette nella serata di ieri, 1 aprile, un tunisino di 33 anni per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale. L'uomo è stato sorpreso lungo l'argine dell'Arno, all'altezza di Piazza Don Milani, a Riglione, dai Carabinieri della Stazione di Cascina, mentre cedeva una dose di eroina ad un tossicodipendente, identificato ed in seguito segnalato alla Prefettura di Pisa quale assuntore.

Il 33enne alla vista dei militari dell'Arma ha ingerito altre dosi di eroina, iniziando poi la fuga. Inseguito e raggiunto dai militari, ha opposto ferma resistenza fisica, prima di essere bloccato e ammanettato.
Sequestrate una dose di eroina del peso di mezzo grammo circa e la somma contante di 40 euro, provento dell'attività di spaccio. Uno dei Carabinieri intervenuti è stato costretto a ricorrere alle cure dell'ospedale 'Lotti' di Pontedera, dove è stato medicato per contusioni multiple e giudicato guaribile in 7 giorni.

L’arrestato è stato trattenuto nelle camere di sicurezza in attesa del giudizio direttissimo fissato per stamattina davanti al Tribunale di Pisa.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavoro: 16 assunzioni alla SEPI

  • Spari al Cep: fermate due persone

  • Ciak si gira: a Pisa il via alle riprese della seconda stagione de 'L'amica geniale'

  • Si schianta con lo scooter contro un'auto: muore 21enne bagnino

  • Maltempo in Toscana: in arrivo piogge e temporali

  • Ragazzo cade dalle spallette sui lungarni

Torna su
PisaToday è in caricamento