Cerca di rubare un giubbotto e minaccia il vigilante con un pezzo di vetro

L'uomo è finito in manette. Era già stato arrestato nell'ambito dell'operazione 'Cavalieri 2018' contro il traffico di droga alla stazione e nelle vie del centro

La polizia davanti al negozio Oviesse (foto d'archivio)

Momenti concitati ieri, giovedì 10 gennaio, all'ora di pranzo, all'Oviesse di corso Italia a Pisa, dove un tentativo di furto ha portato ad una escalation di violenza fermata grazie all'arrivo della polizia.
Sono circa le 13 quando un uomo sui 50 anni, magrebino, cerca di eludere la sorveglianza e di uscire dal negozio dopo aver rubato un giubbotto. Viene però bloccato dall'addetto alla security. Il malvivente non si rassegna ed estrae prima un trincetto e poi uno spray al peperoncino. Con la forza viene così accompagnato dal vigilante in una stanza, una sorta di control room, in attesa dell'arrivo della polizia, nel frattempo avvisata dal direttore del negozio.
Il 50enne però dà in escandescenza: lancia prima un estintore al vigilante, poi la staffa che serviva per sorreggere al muro lo stesso dispositivo antincendio. Infine, non ancora contento, ha rotto un quadro appeso al muro, minacciando poi con un pezzo di vetro l'addetto alla sicurezza. Proprio in quel frangente è arrivata la polizia, con la Squadra Volanti, che ha bloccato l'uomo.

La sua identificazione ha permesso di scoprire che si trattava di uno dei 23 arrestati, poi rimessi quasi tutti in libertà, nell'ambito dell'operazione 'Cavalieri 2018' per sgominare il traffico di stupefacenti nel centro città. Il 50enne aveva a suo carico il divieto di dimora, già trasgredito. Per questo il giudice nei suoi confronti aveva emesso l'aggravamento della misura con la custodia in cautelare in carcere.
Al termine del servizio di ieri nel negozio Oviesse l'uomo è finito così in manette per tentata rapina impropria, oltre che per l'applicazione della misura cautelare stabilita dal giudice.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (18)

  • Zeba! Un altro studente straniero modello iscritto alla Scuola Normale Superiore. In fondo stava solo conducendo ricerche sulla chimica delle sostanze irritanti. L’uso dello spray al peperoncino contro il vigilante era per la sua tesi di laurea che stava scrivendo con finanziamenti europei

    • Hai ragionissima. Siamo circondati da normalisti e santannini. In via Gramsci c'è il dipartimento di chimica industriale.

  • Nuovamente censurato un mio commento. Redazione tirapiedi della sinistra.

  • Instaurare i lavori socialmente utili forsati. Se lavori mangi, dormi, ti lavi e magari hai anche una donna... Sennò vergate... Ma sode...

  • L,unica solozione a non commettere piu, reati di questo genere e .l,ipalatura istantanea

    • L,unica solozione

      Scusa se te lo domando. Va bene un "erroraccio" ogni tanto che si potrebbe attribuire alla battitura. Nel tuo caso però su ogni frase si rilevano almeno 3 errori. Rivendichi sempre una certa italianità. Ma sei sicuro di essere italiano? "L[virgola] solozione..." che vor dii?

      • Sì, e l'errore di battitura è un conto. Ma "l'unica soluzione A non commettere più reati".. ahhaha Massimo non si mette la A in questo caso, devi usare un'altra preposizione semplice (che non ti dico, ma se sai correttamente l'italiano puoi arrivarci da solo), ma non certo la A! Evviva l'italiano. L'italiano corretto, grazie!

      • Ahaha

  • E' colpa di Salvini. Con la stessa faccia tosta a Roma, dopo una sparatoria, ha detto che è colpa della Raggi. Ma visto che è lui che si occupa di sicurezza, perché non propone un serio inasprimento delle pene per la microcriminalità? Invece Salvini si sta dimostrando uguale al PD, contro carcere e manette sempre e anche ieri la Lega ha votato insieme a FI contro l'autorizzazione a procedere a carico di politici indagati ... la Lega perde il pelo ma non il vizio ...

  • E' chiaro che non si può dare 30 anni di carcere per aver rubato un giubbotto. Certo, ci sono le minacce, l'aggresione al vigilantes, lo spaccio ecc ecc. Quindi, si prende il magrebino e lo si rimanda nel maghreb! Pura utopia, lo so...

  • A nome mio e di buona parte della cittadinanza esprimo le mie piu' sincere congratulazioni al magistrato che ha deciso di rimettere subito in libertà questa gentaglia; ma non ci si rende conto che del foglietto con il divieto di dimora a questi delinquenti incalliti non gliene puo' fregare di meno?

      • Letto l'articolo, interessante, mi pare pero' che in questo caso i "gravi indizi di colpevolezza" ed il "pericolo di reiterazione del reato" siano ben evidenti; cosa vuoi che vada a fare questa gente dopo la liberazione, se si rende conto che non appena arrestata viene il giorno dopo rimessa subito in liberta'? A questo punto cosa rischiano, cos'hanno da perdere?

        • Lo penso anch'io, però c'è anche questo passaggio: "il Giudice non può limitare la libertà personale dell’indagato quando, in via presuntiva, potrebbe applicare la sospensione condizionale della pena". Probabilmente questi reati portano a questo tipo di conclusione.

    • La politica apprezza questo elemento. Fino a quando la gente non sa che le i giudici applicano le leggi fatte da altri, saremo sempre nella merda. L'ignoranza della gente e' sempre stata apprezzata dalla politica

      • "Spacciatori liberati, la Procura fa ricorso per riportarli in cella"; è una notizia dei giorni scorsi: che ignoranti che sono anche in Procura, vero "signor" Luca?

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Bancarelle in piazza Duomo, no del ministro: "Dovrà decidere l'amministrazione"

  • Cronaca

    Vento, forti raffiche nel pisano: la diretta della giornata

  • Cronaca

    Stazione, locale ritrovo di pregiudicati: chiuso

  • Cronaca

    Calcinaia: ubriaco al volante fermato mentre va a zig zag

I più letti della settimana

  • Via delle Torri, incidente tra due auto: una finisce ribaltata

  • Meteo, primavera già finita: tornano freddo e vento

  • Bottiglia in testa mentre passeggia in centro: ferita una ragazza

  • Vento forte a Pisa e in Toscana: allerta meteo arancione

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 23 e 24 marzo

  • "Sono incinta": l'annuncio di Susanna Ceccardi per la festa del suo compleanno

Torna su
PisaToday è in caricamento