Pedofilia, sesso con ragazzini in cambio di soldi: arrestato 40enne pisano

L'uomo adescava le vittime su Facebook. E' finito in manette per dodici episodi che sarebbero avvenuti nel corso dell'ultimo anno. Non è escluso che siano in realtà molti di più

Pagava ragazzini minorenni per avere con loro rapporti sessuali. Per adescare le sue prede utilizzava Facebook. E' stato così arrestato dalla sezione di Pisa della Polizia Postale toscana, a seguito di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Firenze, un uomo di 40 anni, pisano. Le accuse che gli vengono contestate, per dodici episodi avvenuti tra marzo 2015 e febbraio 2016, sono prostituzione minorile, stalking, minacce continuate, adescamento di minorenne, violenza sessuale e sequestro di persone.

I minori coinvolti sono tutti residenti tra le province di Pisa e Firenze e hanno un'età compresa tra i 13 e i 17 anni.

L'uomo, ex autista di scuolabus, ora dipendente di una bottega artigiana di Pisa, è stato arrestato in passato già tre volte (la prima nel 2008) per fatti analoghi, due in flagranza e una, nel 2013, su ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari, durante i quali comunque aveva continuato ad adescare i minorenni, che circuiva anche con regali di elettronica e addirittura in un caso con un motorino.

Le indagini sono partite dalla denuncia della madre di uno dei ragazzi vittime del pedofilo. La donna aveva scoperto una conversazione del figlio con il 40enne su Whatsapp. Per adescare i ragazzini l'uomo spiava i loro profili Facebook in modo da intercettare i loro gusti, così da compiacerli. Si faceva inviare foto in pose hard e poi passava all'azione organizzando incontri. I rapporti venivano consumati in auto, in luoghi appartati come i parcheggi dei cimiteri o dei supermercati dopo l'orario di chiusura. In cambio l'uomo offriva una somma che variava dai 30 ai 300 euro. In un caso il 40enne aveva minacciato con una pistola un 16enne del quale si era invaghito per cercare di convincerlo ad avere un rapporto sessuale, poi non consumato. Inoltre aveva anche minacciato la fidanzatina del ragazzo con l'intento di allontanarla da lui.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Residente a Pisa in quarantena: è entrato in contatto con l'uomo positivo a Pescia

  • Coronavirus: negativi i test effettuati

  • Coronavirus: a Cisanello diversi casi in valutazione

  • Coronavirus: in Toscana due casi sospetti positivi in attesa di validazione

  • Coronavirus: le nuove misure varate oggi dalla Regione

  • Coronavirus, caso sospetto a Firenze: positivo il secondo tampone su un uomo

Torna su
PisaToday è in caricamento