Ponsacco, ai domiciliari rientra in ritardo a casa: torna in carcere

L'uomo era già stato detenuto a Prato per il reato di spaccio. Il giudice aveva concesso i domiciliari, ma la mancata osservanza delle prescrizioni ha fatto nuovamente spalancare le porte del carcere

Arrestato nel pomeriggio di ieri, 20 aprile, a Ponsacco, dai Carabinieri, un 28enne marocchino in esecuzione dell’ordine di custodia cautelare emesso dal Tribunale di Grosseto, per il ripristino della detenzione in carcere in sostituzione degli arresti domiciliari per il reato di spaccio di stupefacenti. L’uomo, precedentemente detenuto per gli stessi reati presso il carcere di Prato, due giorni fa era infatti stato ammesso alla misura detentiva domiciliare con il braccialetto elettronico. Ma visto che i Carabinieri di Ponsacco, deputati alla sua vigilanza, lo stesso giorno hanno riscontrato un notevole ritardo nella presentazione del 28enne presso il domicilio, l’Autorità Giudiziaria ha ordinato il ripristino della misura in carcere. Pertanto, dopo le formalità di rito, il marocchino è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Pisa.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Benemerito migrante, la Giustizia ce lo renderà presto

Notizie di oggi

  • Meteo

    Maltempo, piogge su tutta la Toscana: codice giallo

  • Meteo

    Previsioni meteo a Pisa: piogge e temporali

  • Cronaca

    Sicurezza: multe alle auto e sequestro di merce abusiva

  • Cronaca

    L'Unione Inquilini chiede l'uso dei 40 alloggi di Sant'Ermete vuoti, la Prefettura: "Non si può"

I più letti della settimana

  • Montopoli, incidente sulla Tosco-Romagnola: un morto e due feriti

  • Lutto nella sanità pisana: muore il professor Morlunghi

  • Incidente stradale nella notte a Cisanello: coinvolte tre auto

  • Uliveto Terme, scontro frontale fra due auto: due giovani ferite

  • Incidente stradale a Marina di Pisa: due feriti

  • Cascina, esce da scuola e non torna a casa: scomparsa 16enne

Torna su
PisaToday è in caricamento