Ponsacco, ai domiciliari rientra in ritardo a casa: torna in carcere

L'uomo era già stato detenuto a Prato per il reato di spaccio. Il giudice aveva concesso i domiciliari, ma la mancata osservanza delle prescrizioni ha fatto nuovamente spalancare le porte del carcere

Arrestato nel pomeriggio di ieri, 20 aprile, a Ponsacco, dai Carabinieri, un 28enne marocchino in esecuzione dell’ordine di custodia cautelare emesso dal Tribunale di Grosseto, per il ripristino della detenzione in carcere in sostituzione degli arresti domiciliari per il reato di spaccio di stupefacenti. L’uomo, precedentemente detenuto per gli stessi reati presso il carcere di Prato, due giorni fa era infatti stato ammesso alla misura detentiva domiciliare con il braccialetto elettronico. Ma visto che i Carabinieri di Ponsacco, deputati alla sua vigilanza, lo stesso giorno hanno riscontrato un notevole ritardo nella presentazione del 28enne presso il domicilio, l’Autorità Giudiziaria ha ordinato il ripristino della misura in carcere. Pertanto, dopo le formalità di rito, il marocchino è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Pisa.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Benemerito migrante, la Giustizia ce lo renderà presto

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Centro storico: le barriere antiterrorismo diventano opere d’arte

  • Cronaca

    Lite alla stazione: 22enne accoltellato

  • Cronaca

    Aeroporto, denuncia Usb: "Eliminato il parcheggio per dipendenti e Vigili del Fuoco"

  • Cronaca

    Impresa in azione: la finale regionale agli studenti dell’Istituto Ferraris – Brunelleschi di Empoli

I più letti della settimana

  • San Piero a Grado, si dimentica la figlia in auto: muore bambina di un anno

  • Riglione: folla e commozione per l'addio alla piccola Giorgia

  • Bimba morta in auto, aperta un'indagine. Il sindaco: "La città è in lutto"

  • Canapisa 2018: in migliaia in città contro il proibizionismo

  • Bimba morta dimenticata in auto, Codacons: "Da anni chiediamo l'obbligo di allarmi su auto"

  • Bimba morta in auto: è il giorno dell'ultimo saluto a Giorgia

Torna su
PisaToday è in caricamento