Ricercato per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina: arrestato a Pisa

Il 30enne al momento del controllo ha insospettito gli agenti di polizia per il suo eccessivo nervosismo. Divieto di avvicinamento alla vittima per un uomo indagato per maltrattamenti in famiglia

Controlli intensificati nel centro storico di Pisa da parte della polizia di stato, anche in vista delle prossime festività natalizie.

In conseguenza dei numerosi servizi svolti in città nella giornata di ieri, mercoledì 28 novembre, gli uomini della Squadra Volante e del Reparto Prevenzione Crimine di Firenze hanno arrestato un cittadino tunisino destinatario di una misura cautelare della Procura di Palermo per favoreggiamento della immigrazione clandestina. Il 30enne, al momento del controllo dei documenti, ha insospettito gli agenti con un atteggiamento eccessivamente nervoso ed è stato pertanto subito accompagnato in Questura per essere sottoposto a rilievi dattiloscopici.
A seguito degli approfondimenti effettuati tramite le banche dati informatiche è emerso il provvedimento di arresto da eseguire sul territorio nazionale a carico dell'uomo che è stato pertanto condotto nel carcere Don Bosco. Il 30enne è stato anche denunciato per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in quanto trovato in possesso di 1 grammo di eroina suddivisa in dosi, 1 grammo di cocaina suddivisa in 3 dosi, 0,4 grammi di hashish e denaro contante in banconote di piccolo taglio.

Nel corso dei controlli della polizia sono state inoltre identificate dieci persone e controllati tre veicoli; sono stati accompagnati in ufficio per identificazione tre persone, eseguite due perquisizioni personali e due sequestri.  

E’ stato inoltre denunciato in stato di libertà, per il reato di furto all’interno di un supermercato, un cittadino straniero di 35 anni, mentre ad un cittadino italiano, domiciliato a Pisa ed indagato per il reato di maltrattamenti in famiglia, è stata notificata ed applicata l’ordinanza emessa dal Tribunale di Pisa relativa all’applicazione della misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, con divieto di avvicinarsi all’abitazione, al luogo di lavoro e agli altri luoghi abitualmente frequentati.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale a Peccioli: morta una donna

  • Maltempo: codice giallo per temporali nelle zone interne orientali della Toscana

  • Si sente male in agriturismo: morto

  • Condizioni igieniche precarie e cibo senza tracciabilità: chiuso ristorante a Calambrone

  • Alcol e droga a 16 anni: ricoverata in gravi condizioni

  • Due lievi scosse di terremoto a Castelnuovo Val di Cecina

Torna su
PisaToday è in caricamento