Asili e scuole dell'infanzia: rinviato lo sciopero per chiedere più educatrici

Le Rsu del comune e le organizzazioni sindacali hanno posticipato la protesta dal 26 marzo al 2 aprile

La Rsu del Comune di Pisa e le organizzazioni sindacali Fp-Cgil e Sgb hanno deciso di rinviare lo sciopero dei servizi educativi previsto inizialmente per il 26 marzo, posticipandolo al 2 aprile dalle ore 15:30 alle 16:30. "La ragione del rinvio - spiegano - è dettata da due motivi: la richiesta della Commissione di Garanzia di rispettare la normativa che impone scioperi brevi alla prima o all'ultima ora di turno e consentire allo stesso tempo la presenza del personale ad un corso obbligatorio di formazione".

Lo sciopero viene quindi solo rinviato di pochi giorni, così come il presidio davanti a Palazzo Gambacorti. "Le ragione della nostra mobilitazione - continuano le organizzazioni sindacali e le Rsu del comune - non sono cambiate, il disagio vissuto da educatrici, insegnanti, custodi, cuoche, genitori e cittadini è lo stesso di sempre: i servizi educativi sono a rischio di sopravvivenza perchè agli occhi di tanti amministratori appaiono fonte di spesa eccessiva, spesa da tagliare al pari di tanti altri servizi".

Le ragioni della protesta

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Residente a Pisa in quarantena: è entrato in contatto con l'uomo positivo a Pescia

  • Coronavirus: negativi i test effettuati

  • Coronavirus: a Cisanello diversi casi in valutazione

  • Coronavirus: in Toscana due casi sospetti positivi in attesa di validazione

  • Coronavirus: le nuove misure varate oggi dalla Regione

  • Coronavirus, caso sospetto a Firenze: positivo il secondo tampone su un uomo

Torna su
PisaToday è in caricamento