Auto dei dipendenti Aoup danneggiate, Nursind: "Parcheggi terra di nessuno"

Dal sindacato Nursind chiedono una soluzione definitiva per i parcheggi all'ospedale Cisanello, giudicati poco sicuri e lontani dal presidio ospedaliero

Chiede a gran voce una soluzione definitiva per i parcheggi dopo l'amarezza per i vandalismi che nella notte tra domenica e lunedì hanno danneggiato numerose auto dei dipendenti mandando in frantumi i finestrini. Daniele Carbocci, segretario territoriale Nursind Pisa, sottolinea come il 'nodo parcheggi' sia una problematica a 360°.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"I parcheggi dell’ospedale di Cisanello, in particolare quello alle Bocchette, si dimostrano ancora una volta terra di nessuno e oggi registriamo il danneggiamento di molte auto di dipendenti che erano in servizio di notte - spiega Carbocci - non solo la difficoltà di parcheggiare e di potersi recare a prendere servizio in orario, ma anche l’ansia di poter trovare i finestrini sfondati al momento dello smonto. Sono anni che chiediamo che almeno il personale del turno notturno possa entrare e parcheggiare dentro il perimetro ospedaliero visto il numero ridotto di infermieri in servizio di notte. Ma l’azienda ha sempre fatto orecchi da mercante e questi sono i risultati".

"Proprio in questi giorni l’azienda ha bloccato l’accesso al perimetro ospedaliero anche ai dipendenti che hanno permessi di tipo sanitario per difficoltà di deambulazione - prosegue il sindacalista - una situazione, quella dei parcheggi, che l’azienda da ormai 10 anni non riesce a governare, mettendo in difficoltà i dipendenti ma anche i pazienti costretti a lunghe maratone per prendere le navette. Ancora una volta si palesano le difficoltà di controllo della sicurezza di un presidio ospedaliero che ha ormai le dimensioni di un piccolo paese. Forse sarebbe il caso che si provvedesse a rendere custodito il parcheggio, quantomeno quello più lontano dagli edifici ospedalieri. Per quanto ancora dovremmo affrontare questi problemi prima di una soluzione definitiva?" si chiede in conclusione Carbocci.

Intanto si cercano i responsabili del raid vandalico: l'Aoup ha messo a disposizione dell'autorità giudiziaria i filmati della videosorveglianza per tentare di risalire all'autore o ai più autori del gesto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto travolge tavoli e clienti di una pizzeria in via dell'Aeroporto

  • Coronavirus e sovraffollamento, nuova ordinanza: positivi inviati in albergo

  • Meteo, il gran caldo ha i giorni contati: torna il maltempo

  • Spiagge di ghiaia a Marina, alga tossica 6 volte oltre i limiti: "Fate attenzione"

  • Coronavirus in Toscana, 9 casi in più e zero decessi nelle ultime 24 ore

  • Coronavirus in Toscana: 4 nuovi casi, di cui 2 a Pisa

Torna su
PisaToday è in caricamento