Bimba morta a Calambrone: l'autopsia non chiarisce le cause del decesso

Non sono presenti lesioni interne, ma i maltrattamenti e l'ambiente di degrado in cui la bambina viveva potrebbero aver provocato la tragedia. In cella d'isolamento il patrigno

Saranno necessari ulteriori accertamenti sul corpo della bambina di tre anni trovata morta in una ex pizzeria dismessa lungo viale del Tirreno a Calambrone (Pisa). L'autopsia eseguita venerdì 29 aprile non ha infatti chiarito cosa abbia ucciso la piccola. Sul corpicino non sono presenti lesioni interne, ma serviranno altre analisi sui tessuti prelevati. Ad uccidere la piccola potrebbe essere stato un insieme di cause, quel mix di trascuratezza e botte che è stato letale per la bambina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto il patrigno resta in carcere ed è stato trasferito in cella d'isolamento. Su di lui piovono le pesanti accuse di maltrattamenti e lesioni, confermati anche dalla madre della bambina. Sul corpo della bimba sono subito stati notati lividi dal medico legale, intervenuto sul luogo della tragedia mercoledì sera. Uno in particolare sarebbe compatibile con l'impronta della scarpa indossata dall'uomo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovato morto con una freccia di balestra nel petto

  • Auto contro moto a San Giuliano Terme: muore 31enne

  • Lutto all'Aoup: dottoressa muore a 36 anni

  • Coronavirus in Toscana: solo 5 i nuovi casi, 2 i decessi

  • Coronavirus in Toscana, 12 nuovi casi: nel pisano 2 positivi in più e nessun decesso

  • Coronavirus in Toscana, solo 3 i nuovi casi: a Pisa zero nuovi contagi e nessun decesso

Torna su
PisaToday è in caricamento