Bancarelle del Duomo, incontro a Roma: "Il Ministero vuole piazza e aree di rispetto libere"

I promotori della raccolta firme 'Mai più bancarelle in Piazza dei Miracoli' riferiscono gli esiti del loro incontro con la responsabile della Segreteria Tecnica del Mibact

Immagine di archivio

Sono stati ricevuti ieri 3 aprile a Roma, dal Capo della Segreteria Tecnica del Ministro per i Beni e le Attività Culturali, dott.ssa Annalisa Bottoni, i promotori della raccolta firme 'Mai più bancarelle in Piazza dei Miracoli', iniziativa che fra Change.org e sigle cartacee ha superato le 2.600 adesioni. 

Valeria Caldelli, Pierluigi D'Amico e Silvia Silvestri hanno riportato il caso alla professionista, ricordando ad esempio le previsioni a sostegno dell'impossibilità di rientro dei banchi in piazza: "Abbiamo richiamato il protocollo d'Intesa tra Ministero, Regione e Comune del 28/09/2015 e il successivo Documento finale del Comitato Interministeriale per il Decoro del 19/02/2018, documento che non prevede bancarelle né in piazza Duomo, né dietro il muro dell'Ospedale, né in Piazza Manin, né in Piazza dell’Arcivescovado, né in via Cardinale Maffi". Inoltre "abbiamo evidenziato - scrivono i promotori - l'esistenza di una soluzione che salvaguardi insieme il decoro dell’area monumentale e le attività commerciali: il Parcheggio di bus turistici di Via Pietrasantina, dove nel 2017 sono arrivati 43272 bus, con un numero di turisti sicuramente superiore a due milioni. Oltre tutto il Comune ha già speso 200mila euro per attrezzare l’area allo scopo".

Il risultato dell'incontro è stato che "il Capo della Segreteria Tecnica ha manifestato la grande attenzione con cui il MiBAC segue la vicenda e ha ribadito l’orientamento del Ministero già manifestato dal Ministro Bonisoli nel corso della sua visita a Pisa: 'Mai più bancarelle sotto la Torre, La piazza dei Miracoli è bella così com’è ora'. Affermata anche la volontà di liberare dall'attuale mercato di bancarelle tutte le aree di rispetto intorno alla piazza dei Miracoli".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Che vergogna....un problema locale portato a Roma

  • Quindi vanno in pietrasantina ? Ho capito bene ? 42000 bus ? È a pisa il turismo è gestito da cialtroni. pisani figli di un dio minore..non meritate nulla

    • Non ti affannare, conti come con un rutto dopo pasto. Già il fatto che tu sia contrario la fa essere una scelta giusta. Torna nel tuo villaggio di menti superiori da dove sei tornato che ti aspettano con la tua infelicità

  • E basta con questa storia..Quelle bancarelle ridicole che vendono quelle cineserie da due lire non possono stare lì. Lo capite o no? Sono inguardabili.

    • Hai perfettamente ragione. Sono inguardabili, vendono robe inguardabili e per giunta da cingalesi che sicuramente saranno pagati, per le ore che fanno, non meno di 1500€ al mese più contributi, ferie ecc ecc. Vero?

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Auto sfonda la vetrata del bar Lilli: "Siamo disperati, poteva esserci una strage"

  • Politica

    Elezioni, domenica alle urne: la diretta della giornata di voto

  • Cronaca

    Rubano casseforti dalla banca ma vengono inseguiti: furto sventato

  • Cronaca

    L'attore Willem Dafoe al Podere Cortesi di Santa Luce

I più letti della settimana

  • Muore dopo essere caduta dalla finestra: probabile suicidio a Pontedera

  • Lutto nel mondo della sanità: muore infermiere dell'Aoup

  • Via Aurelia: sbanda e si schianta contro la vetrata del bar

  • Cinque ristoranti dove mangiare carne a Pisa

  • Auto sfonda la vetrata del bar Lilli: "Siamo disperati, poteva esserci una strage"

  • Dermatite atopica: visite gratuite al Santa Chiara

Torna su
PisaToday è in caricamento