Bancarelle Piazza Duomo chiuse per protesta: tante piccole torri davanti alle serrande

I bancarellai da mesi sono in lotta contro la decisione dell'amministrazione comunale di spostare le loro attività in via Pietrasantina per consentire il restauro del muro del Museo delle Sinopie

Tante piccole Torri Pendenti schierate come soldatini davanti alle bancarelle chiuse di Piazza dei Miracoli.

'Saracinesche' abbassate oggi per i bancarellai che da mesi si oppongono allo spostamento della loro attività nel parcheggio autobus di via Pietrasantina per consentire il restauro del muro del Museo delle Sinopie. Un lungo braccio di ferro con l'amministrazione comunale che alla fine ha incassato l'ok del Tar, con i commercianti che hanno poi deciso il ricorso al Consiglio di Stato per tentare di 'salvare' il loro lavoro.

Se da un lato infatti dal Comune continuano a ripetere che lo sgombero è necessario e che nella nuova collocazione, comunque temporanea, i guadagni non tarderanno ad arrivare visto il luogo di parcheggio di tutti i bus turistici, dall'altro lato i bancarellai sono infuriati, propendono per uno spostamento in avanti di qualche metro delle bancarelle e sono convinti che i contraccolpi economici della nuova sistemazione non tarderanno a farsi sentire. Da qui la protesta pacifica: tante Torri per ogni bancarellaio che, con la propria famiglia, risentirà negativamente dello spostamento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'ospedale Cisanello si prepara al picco: "E' previsto nel prossimo fine settimana"

  • Coronavirus: muore studente universitario di 30 anni

  • Coronavirus: 265 nuovi casi positivi, 19 morti in 24 ore

  • Trovato morto in Austria: avviate le indagini

  • Coronavirus: 254 nuovi casi in Toscana, 3.226 i contagi 

  • Coronavirus e commercio: dichiarato lo sciopero per punti vendita e supermercati

Torna su
PisaToday è in caricamento