Bigattiera: avviata la seconda fase di pulizia e bonifica

All'ex campo nomadi sgomberato a settembre 2015 intervengono i volontari alla Croce Rossa, fra cui ci sono anche 8 profughi, per la raccolta differenziata dei rifiuti misti

E' iniziata oggi, 19 luglio, la seconda fase di pulizia e bonifica dell'ex-campo rom della Bigattiera. La prima fase aveva visto, in seguito all'ordinanza sindacale urgente di sgombero, la rimozione delle baracche e degli ingombranti con l'intervento di Avr, la ditta che gestisce il global service per la pulizia del Comune di Pisa.

Adesso si passa alla pulizia più accurata e dettagliata con la raccolta dei rifiuti misti rimasti, un'operazione che prevede lo separazione dalla terra, lo smistamento e la raccolta differenziata. In azione 14 uomini della Croce Rossa Italiana: "Ci sono 4 volontari, 2 dipendenti e 8 profughi ospitati nei vari centri della Cri che hanno fatto un percorso di formazione e sono diventati nostri volontari a tutti gli effetti - spiega Antonio Cerrai, presidente della Cri di Pisa - le operazioni si avvalgono anche della ditta Bernini, i lavori dureranno una settimana".

"Continuiamo il percorso dopo una pausa che ci ha permesso di ravvisare un piano più definito - dichiara Sandra Capuzzi, assessore al sociale del Comune di Pisa e presidente della Società della Salute - l'obiettivo è restituire nei tempi quello spazio e di poter cominciare così a pensare a come riutilizzarlo, considerando che l'area è del demanio noi diremo la nostra e poi le valutazioni andranno condivise".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investita dal treno alla stazione di Firenze Rifredi: morta 21enne di Pontedera

  • Viale delle Cascine: muore alla guida mentre è fermo al semaforo

  • Cucina: undici ristoranti pisani nella guida 'L'Espresso'

  • Lutto all'Università: è morto il professor Berardo Cori

  • 'L'Amica geniale' saluta Pisa: terminate le riprese della fiction Rai

  • Bagno di folla per Mika in centro a Livorno: suona con lui uno studente Unipi

Torna su
PisaToday è in caricamento