Lajatico, 'Le Cirque' di Bocelli è puro spettacolo: oltre 10mila al Teatro del Silenzio

Allestimenti da sogno e cast stellare per la serata del tenore italiano. Sul palco perfino due elefanti

Foto di Michela Cimmino

Giochi di luce, figuranti, perfino due maestosi elefanti, ma soprattutto grande musica. Potente e poetico. E' stato spettacolo al Teatro del Silenzio di Lajatico per 'Le Cirque' di Andrea Bocelli, con il tenore di fama mondiale originario della cittadina che ha chiamato sul palco ad esibirsi il meglio della lirica presente e forse futura.

In più di 10mila persone hanno assistito al 'magico carrozzone' architettato ed edeguito in modo magistrale da tutta l'organizzazione. Insieme al 'padrone di casa' Bocelli hanno incantato le voci di Leo Nucci e Sumi Jo, in seguito Svetla Vassileva, e Giovanni Allevi al pianoforte. Ed anche il figlio 18enne di Bocelli, Matteo, che si è esibito con un'eleganza propria del padre.

Nel turbinio di emozioni generato da sculture di luce, musica, clown e recitazione si segnalano anche parate di cavalli e la sorpresa di due enormi elefanti sul palco. Un'edizione 2016 da record, come il costo dei biglietti in prima fila, di alcune migliaia di euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella sanità pisana e mondiale: è morto il professor Franco Mosca

  • Coronavirus: ricercatori Aoup svelano una possibile correlazione con l'infiammazione della tiroide

  • Coronavirus: stop alla distribuzione gratuita delle mascherine nelle farmacie

  • Pratale-Don Bosco: muore in casa a 37 anni

  • Coronavirus in Toscana: 10 nuovi casi e 5 decessi

  • Il Giugno Pisano si farà: "Eventi simbolici per dare continuità alla tradizione"

Torna su
PisaToday è in caricamento