Diritto allo studio, Sinistra Per: "La Regione ha accolto molte delle nostre proposte"

Durante la seduta del consiglio regionale degli studenti sono state avanzate alcune richieste. Sinistra Per informa che la Regione ha accolto gran parte proposte fatte

Durante la seduta del consiglio regionale degli studenti, le associazioni Sinistra Per, Studenti di Sinistra Firenze e Link-Siena, hanno avanzato alcune richieste davanti all'assessore regionale per il diritto allo studio Stella Targetti, già sottoposte all'attenzione dei vertici del DSU Toscana. "A fronte del sensibile innalzamento dei trasferimenti statali da 12 milioni a 24,3 milioni di euro per l'anno prossimo - fanno sapere da Sinistra Per - Il nostro obiettivo di fondo è stato l'aumento della platea dei beneficiari di borsa di studio e il potenziamento quantitativo e qualitativo dei servizi".

L'associazione studentesca fa sapere che la Regione ha accolto gran parte delle proposte fatte: "L'atto d'indirizzo della giunta regionale per il bando borse di studio il 2013/2014 sarà migliore rispetto a quello appena terminato. Come dichiarato dallo stesso assessore le principali novità saranno: tetto massimo ISEE per accedere alla borsa di studio innalzato da 18mila a 19mila euro (ca mille studenti borsisti in più); borsa servizi disponibile per un intervallo ISEE fra 19mila e 22mila euro (ca 3mila beneficiari di borsa servizi in più); potenziamento della borsa servizi con buono libri e aumento della percentuale di rimborso sul costo degli abbonamenti al TPL; aumento del contributo affitto da 160 a 220mila euro mensili".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Riteniamo questi risultati un'importante vittoria - concludono - segno che anche in un contesto di crisi possono giocarsi partite al rialzo sul diritto allo studio. Le nostre proposte non sono state pienamente accolte perché la Regione ha deciso di utilizzare solo 4 dei 12 milioni aggiuntivi ricevuti dal fondo integrativo statale per le borse di studio. Ssarebbero bastati 2 milioni di euro in più per innalzare ulteriormente la soglia massima ISEE, fino a 20 mila euro per la borsa di studio, come avevamo richiesto. Accantonare 8 milioni per il prossimo anno accademico non è la soluzione per mantenere i livelli attuali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella sanità pisana e mondiale: è morto il professor Franco Mosca

  • Trovato morto con una freccia di balestra nel petto

  • Coronavirus: ricercatori Aoup svelano una possibile correlazione con l'infiammazione della tiroide

  • Coronavirus: stop alla distribuzione gratuita delle mascherine nelle farmacie

  • Coronavirus in Toscana, 12 nuovi casi: nel pisano 2 positivi in più e nessun decesso

  • Pratale-Don Bosco: muore in casa a 37 anni

Torna su
PisaToday è in caricamento