Stazione, borseggia giovane donna rubando un cellulare: arrestato e liberato

In manette è finito un 34enne. Denunciate altre due persone per non rispetto di foglio di via obbligatorio e divieto di dimora in provincia di Pisa

Ruba un telefono cellulare, viene arrestato e poi liberato. E' successo ieri, 16 luglio, nel contesto dei maggiori controlli disposti dal Comitato Ordine e Sicurezza alla stazione di Pisa. I Carabinieri di Porta a Mare e Tirrenia, insieme ai militari della Compagnia d'Intervento Operativo di Firenze, hanno bloccato l'autore del furto poco dopo il fatto. A finire provvisoriamente in manette è stato un cittadino senegalese di 34 anni, che secondo la ricostruzione dei fatti ha prelevato con destrezza lo smartphone dalla borsa di una giovane donna.

Una volta fermato il 34enne è stato portato negli uffici di via Guido da Pisa e, dopo le formalità di rito, è stato rimesso in libertà ai sensi delle norme di attuazione al Codice di Procedura Penale, come disposto dall'Autorità Giudiziaria.

Nel corso dello stesso servizio di controllo sono stati poi denunciati un italiano di 43 anni per l'inosservanza del foglio di via obbligatorio ed un tunisino di 24 anni per l'inosservanza del divieto di dimora nella provincia di Pisa. Due giovani sono stati segnalati alla Prefettura per possesso di stupefacenti per uso personale.

Potrebbe interessarti

  • Le curiosità dei nostri amici pelosi: 5 cose che non tutti sanno sui gatti

  • Falsi amici a tavola: 7 alimenti che non fanno dimagrire

  • Ragnetti rossi: cosa sono e come proteggere la casa dalla loro presenza

  • Stop al fumo: trucchi e consigli per riuscire a dire addio alle sigarette

I più letti della settimana

  • Tirrenia, malore mentre è in mare: muore 81enne

  • Via Sesia: fiamme in un appartamento

  • Si sente male sul patino a Marina di Vecchiano: muore 49enne

  • Rischia la paralisi dopo un tuffo: 16enne ricoverato a Cisanello

  • Pioggia e temporali in Toscana: scatta l'allerta

  • Maltempo in arrivo: allerta meteo gialla per temporali

Torna su
PisaToday è in caricamento