Bruchi in un contorno a mensa, l'azienda controbatte: "Nessuna denuncia al direttore"

Secondo quanto riportato dall'agenzia Ansa invece la segnalazione all'Autorità Giudiziaria sarebbe avvenuta martedì, ma la Elior Ristorazione, che gestisce il servizio mensa nelle scuole di Pisa, non ha notizie in merito

Nessuna denuncia a carico del direttore della filiale Centro-Nord, né a carico di alcun rappresentante dell'azienda. E' quanto afferma la Elior Ristorazione riguardo all'episodio dei bruchi rinvenuti nel cavolfiore servito alla mensa della scuola elementare 'Zerboglio' di Pisa. "Inoltre - prosegue l'azienda in una nota - tale notizia non trova riscontro né da parte della ASL di zona, né del NAS di Livorno. Lo scorso 12 novembre sono stati rinvenuti, alla presenza della Commissione Mensa, alcuni bruchi (e non parassiti) nel contorno a base di cavolfiori biologici della filiera corta toscana, serviti nella scuola comunale 'Zerboglio' di Pisa - ricostruisce la Elior - la Commissione Mensa, come da prassi, ha redatto un verbale presentato al Comune il quale ha inviato una lettera di richiamo e un'ammenda a Elior Ristorazione. L'azienda ha provveduto a sostituire il cavolfiore biologico con un prodotto di simili caratteristiche, in accordo con il Comune. Inoltre, Elior ha subito rafforzato le procedure di controllo e ha svolto ulteriore attività di formazione specifica al personale di servizio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il 9 dicembre - aggiungono ancora dall'azienda - il NAS di Livorno e la ASL di zona, su segnalazione della Commissione Mensa, hanno eseguito un sopralluogo al centro cottura di Elior Ristorazione che prepara ogni giorno circa 3000 pasti per tutte le scuole comunali di Pisa. La verifica ha riguardato le azioni correttive messe in atto rilevandone la piena conformità".

Secondo però quanto riportato dall'Ansa la denuncia a carico del direttore della filiale sarebbe avvenuta ieri ed è riferita alla violazione dell'articolo 5 della legge 283 del 1962 sulla Disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e delle bevande.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 254 nuovi casi in Toscana, 3.226 i contagi 

  • Coronavirus e commercio: dichiarato lo sciopero per punti vendita e supermercati

  • Coronavirus: 224 nuovi casi positivi in Toscana

  • Coronavirus, 305 nuovi casi in Toscana: salgono a 4.122 i contagi dall’inizio

  • Coronavirus: primi esiti positivi in pazienti trattati con farmaco 'anti-terapie intensive'

  • Coronavirus: i negozi che effettuano consegne a domicilio a Pisa e provincia

Torna su
PisaToday è in caricamento