Cantieri di Pisa, Galantini salta la riunione in Prefettura: lettera al Tribunale

Le Istituzioni, che lunedì hanno affrontato nuovamente la questione della storica azienda pisana, si sono rivolte al giudice delegato affinchè vigili sull'operato del liquidatore Federico Galantini

"Doppiamente grave". Così l’assessore comunale al Lavoro David Gay definisce il comportamento del liquidatore dei Cantieri di Pisa Federico Galantini che anche ieri mattina (lunedi 17 novembre) ha disertato la riunione convocata dal viceprefetto Valerio Massimo Romeo per fare il punto sull’annosa vertenza relativa allo storico marchio della nautica pisana e a cui hanno preso parte, oltre ai sindacati e alla rsu, anche i rappresentanti di Comune, Provincia e Regione. Sul tavolo anche il presunto ritiro dalla trattativa per la cessione del marchio della nautica pisana del gruppo franco-cinese Union Strong Marine.

"In discussione non c’è solo la questione del rilancio di un’azienda pisana storica, le cui attività devono rimanere sul territorio - ha spiegato l’assessore - ma anche l’urgenza di dare risposta ai lavoratori che sono senza stipendio dall’inizio dell’anno e rischiano seriamente di perdere la cassa integrazione straordinaria per il 2014, una situazione oggettivamente grave che richiederebbe maggiore senso di responsabilità da parte del liquidatore: per questo, insieme alle altre istituzioni locali, abbiamo deciso di scrivere al giudice delegato del Tribunale di La Spezia chiedendo di accertare le motivazioni di tale comportamento".

Sulla vicenda, dopo la nuova assenza di Galantini alla riunione, è intervenuto anche il governatore della Regione Toscana Enrico Rossi. "E' inaccettabile - sottolinea il presidente - che non ci si confronti con le istituzioni e che non si ascoltino le organizzazioni sindacali che rappresentano lavoratori da mesi senza reddito. Ci vogliono garanzie perché i cantieri riprendano a produrre il prima possibile".
"Abbiamo cercato di aiutare i lavoratori, da troppo tempo in un momento di difficoltà, attraverso l'anticipo della cassa integrazione straordinaria - sottolinea l'assessore regionale al lavoro e alle attività produttive, Gianfranco Simoncini - e stiamo cercando le soluzioni tecniche per prorogare i termini di restituzione da
parte dei lavoratori".

Nei prossimi giorni erano già stati programmati altri incontri istituzionali. Ci sarà una seduta della Commissione Regionale Emergenza Occupazione del Consiglio Regionale e si svolgerà nella sede dei cantiere, dove i lavoratori sono in assemblea permanente, un Consiglio Comunale aperto.

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viale delle Cascine: muore alla guida mentre è fermo al semaforo

  • Dà in escandescenze e devasta il ristorante di fronte a clienti e proprietari

  • Cucina: undici ristoranti pisani nella guida 'L'Espresso'

  • Lutto all'Università: è morto il professor Berardo Cori

  • Bagno di folla per Mika in centro a Livorno: suona con lui uno studente Unipi

  • Pontedera, scontro auto-moto: perde la vita 38enne

Torna su
PisaToday è in caricamento