Lutto nel volontariato: addio a Carlo Giannotti

Ex dipendente Aoup, ha speso gli anni della pensione in tante attività, fra cui spicca quella per la diffusione delle manovre di rianimazione cardiopolmonare e dei defibrillatori pubblici

Maurizio Cecchini a sinistra, a destra Carlo Giannotti

Il mondo medico e sociosanitario pisano piange la scomparsa di Carlo Giannotti, 69 anni, già dipendente dell’Aoup. Era attualmente volontario dell’associazione Cecchini cuore e stretto collaboratore del medico che ha diffuso i tanti defibrillatori a Pisa e in altre zone d’Italia. La sua intera vita è stata spesa all'insegna del volontariato, dell’aiuto verso il prossimo e del servizio alla comunità. Lavoratore instancabile, tecnico anestesista e membro del gruppo di chirurgia d’urgenza della Protezione civile, metteva a disposizione il grande bagaglio di professionalità ed esperienza nel master di I e II livello di Infermieristica in area critica dell’Università di Pisa.

Volontario dell’associazione Polizia di Stato e volontario autista della Misericordia fu nominato, con oltre 5mila interventi, capo di guardia dell’arciconfraternita. Proprio l’esperienza del soccorso ne aveva sviluppato il grande animo solidaristico, che lo rendeva una persona disponibile e pronta ad aiutare il prossimo. Giannotti ha lottato fino all’ultimo contro un male incurabile, lasciando un vuoto incolmabile tra i propri cari e le tante persone che lo conoscevano.

Proprio il cardiologo Maurizio Cecchini lo ricorda così sul sito dell’associazione: "E' un dispiacere immenso per tutti noi che abbiamo avuto il privilegio di conoscerlo. Per 40 anni infermiere di rianimazione, non appena andato in pensione, ha iniziato la sua opera di volontariato assieme a noi, per la diffusione delle manovre di rianimazione cardiopolmonare e dei defibrillatori pubblici. Decine e decine di postazioni Dae sono state installate da lui, con la sua precisione ed affidabilità proverbiali. Tanti i Corsi Blsd tenuti assieme, nelle scuole e nei posti di lavoro. Persona preparatissima ci ha arricchiti di umanità, con la sua allegria ci ha sempre contagiati. Sono stati anni bellissimi. Vorrei ricordarlo a voi per il suo animo sempre pronto a dare una mano a chi soffriva, agli ammalati, a chi aveva bisogno. Perché questo era Carlo. Da oggi siamo tutti più soli e più poveri. Ciao amico mio".

La salma è esposta presso le cappelle della Misericordia da giovedì 31 gennaio, mentre il funerale si terrà presso la chiesa adiacente, venerdì 1 febbraio alle ore 16.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 9 e 10 novembre

  • Via Caruso: incendio nella facoltà d'Ingegneria

  • Forti temporali in arrivo: allerta meteo arancione

  • Corso Italia: inaugurato il nuovo negozio Dan John

  • Al Cep l'ultimo saluto alla giovane morta al rave party

  • I consigli per pulire i termosifoni e farli funzionare meglio

Torna su
PisaToday è in caricamento