Casciana Terme e Lari unico Comune: tanti vantaggi ma la decisione è dei cittadini

Casciana Terme e Lari potrebbero tornare presto ad essere un unico Comune di 12.500 abitanti. Numerosi i vantaggi, tra cui riduzione dei costi della politica, razionalizzazione delle strutture amministrative, sviluppo unitario di un territorio

Lari e Casciana Terme

Casciana Terme e Lari potrebbero tornare ad essere un unico Comune di 12.500 abitanti, come lo erano prima del 1927. Questa è l'idea che traspare nel documento presentato dai sindaci Giorgio Vannozzi e Mirko Terreni, che nei prossimi giorni sarà sottoposto ai rispettivi Consigli Comunali per l’adozione e successivamente al giudizio dei cittadini tramite referendum vincolante (che potrebbe svolgersi già in autunno). A rinforzare questo ritorno al passato ci sarebbero tanti risvolti positivi, sia economici che politici.

"A seguito della spending rewiev,  i due comuni saranno obbligati a procedere con il riordino delle funzioni attraverso l’esercizio associato di funzioni e servizi  - hanno dichiarato Vannozzi e Terreni - Lari e Casciana Terme già in passato appartenevano ad un unico Comune ma è intenzione delle due amministrazioni lasciare ai cittadini la possibilità di pronunciarsi, con un referendum. Si tratta di un percorso particolarmente innovativo che consente di risparmiare senza tagliare i servizi essenziali alle famiglie".

I lati positivi per la 'ri-nascita' del Comune sono numerosi: i nuovi regolamenti potrebbero semplificare notevolmente la vita non solo dei cittadini, ma anche degli operatori economici che potrebebro lavorare in un contesto di maggiore chiarezza e certezza normativa. Ad esempio, per un triennio il Comune non avrà vincoli con il Patto di Stabilità interno, che ad oggi rendono impossibili gli investimenti sul territorio. In cinque anni, la somma dei contributi economici genererebbe risorse per circa 1 milione di euro annui, e 500 mila per i successivi cinque: soldi che potrebbe essere destinati alla riduzione delle imposte pagate dai cittadini nei singoli comuni originari.

Con un Comune unico ci sarà un solo sindaco, una sola giunta ed un solo consiglio con un evidente risparmio. Il Consiglio Comunale avrebbe 16 membri, pari alla somma dei due Consigli originari. Le strutture amministrative diventebbero una sola con una riduzione delle responsabilità e dei titolari di posizioni organizzative, ma garantirebbero il più ampio decentramento territoriale per quanto riguarda gli sportelli-servizi. Il nuovo Comune potrà fare leva sulla sua posizione, promuovendo le sue risorse e tutelando il patrimonio paesaggistico dell’area collinare, garantendo un pieno sviluppo dell'area.

Potrebbe interessarti

  • Le curiosità dei nostri amici pelosi: 5 cose che non tutti sanno sui gatti

  • Falsi amici a tavola: 7 alimenti che non fanno dimagrire

  • Ragnetti rossi: cosa sono e come proteggere la casa dalla loro presenza

  • Stop al fumo: trucchi e consigli per riuscire a dire addio alle sigarette

I più letti della settimana

  • Tirrenia, malore mentre è in mare: muore 81enne

  • Via Sesia: fiamme in un appartamento

  • Si sente male sul patino a Marina di Vecchiano: muore 49enne

  • Cascina: il corpo di un 64enne ritrovato dietro la chiesa dell'Arnaccio

  • Rischia la paralisi dopo un tuffo: 16enne ricoverato a Cisanello

  • Santa Maria a Monte, con la bici contro un'auto: morto

Torna su
PisaToday è in caricamento