Degrado dietro agli Arsenali Medicei: "La Soprintendenza intervenga"

E' quello che chiedono Comune e Prefettura per risolvere la situazione presente nei pressi di un casottino abbandonato

Sopralluogo ieri, lunedì 8 maggio, da parte dell'amministrazione comunale nell’area retrostante gli Arsenali Medicei, di gestione della Soprintendenza, dove è presente un casottino in avanzato stato di degrado, con abbandono di rifiuti nell’area, danneggiamento della recinzione e permanenza di persone non autorizzate e dedite ad attività illecite. L’area indicata è stata oggetto anche di un incendio, con intervento dei Vigili del Fuoco, lo scorso 23 ottobre.

Il Comune, dopo aver già segnalato la situazione alla Soprintendenza, responsabile dell’area, a novembre e a gennaio, ha rinnovato la richiesta di intervento per la rimozione dei rifiuti abbandonati e la tamponatura degli accessi, assicurando per questo ogni collaborazione in merito. Lo stesso ha fatto la Prefettura: “Si segnala l’urgenza e si resta in attesa di un cortese riscontro”.

Proprio nelle vicinanze lo scorso novembre l’amministrazione comunale era intervenuta su un terreno di sua proprietà demolendo gli ex spogliatoi del Parco della Cittadella, che erano anch’essi in stato di degrado e sede di attività illecite.

Potrebbe interessarti

  • Le curiosità dei nostri amici pelosi: 5 cose che non tutti sanno sui gatti

  • Ragnetti rossi: cosa sono e come proteggere la casa dalla loro presenza

  • Come far risaltare l'abbronzatura a fine estate: 4 semplici consigli

  • Stop al fumo: trucchi e consigli per riuscire a dire addio alle sigarette

I più letti della settimana

  • Tirrenia, malore mentre è in mare: muore 81enne

  • Si sente male in agriturismo: morto

  • Cascina: il corpo di un 64enne ritrovato dietro la chiesa dell'Arnaccio

  • Condizioni igieniche precarie e cibo senza tracciabilità: chiuso ristorante a Calambrone

  • Santa Maria a Monte, con la bici contro un'auto: morto

  • Si sente male sul patino a Marina di Vecchiano: muore 49enne

Torna su
PisaToday è in caricamento