Lotta alla 'malamovida': i 'Cavalieri senza vetro' ricevono rinforzi

Dallo scorso 5 maggio è ripresa l'iniziativa ideata e guidata dalla Società della Salute di Pisa, che fino al termine del mese di luglio opererà nel centro storico con l'ausilio di un numero maggiore di associazioni aderenti

L'obiettivo di diffondere delle buone pratiche di civiltà e coabitazione fra il divertimento giovanile e la residenza dei cittadini del centro storico della città. E' questo l'obiettivo che dallo scorso autunno anima la Società della Salute della zona di Pisa, promotrice dell'iniziativa 'Cavalieri senza vetro'.

LA NUOVA CAMPAGNA. Dopo aver riscosso un notevole successo lo scorso autunno con un'iniziale sperimentazione coadiuvata dall'ausilio dei volontari della Croce Rossa, la Sds scende nuovamente in campo per attuare il secondo progetto di 'Cavalieri senza vetro', ampliato e potenziato in molti suoi aspetti. La campagna è iniziata lo scorso 5 maggio, nonostante il maltempo abbia pesantemente condizionato i piani di svolgimento della serata. Fino al termine di luglio (28 e 29), tutti i venerdì ed i sabato dalle 23 alle 4, saranno presenti dei volontari in piazza dei Cavalieri e nelle zone limitrofe (da piazza delle Vettovaglie a piazza Garibaldi, passando per Borgo) che distribuiranno contenitori di plastica ai frequentatori di questi luoghi, ricevendo in cambio le bottiglie di vetro.

Un modo per porre un freno ad uno dei malcostumi più criticati ed evidenti della movida della notte pisana: l'abbandono dei vuoti per terra, spesso frantumati e cosparsi sull'intera superficie della piazza e delle vie attigue. La partecipazione delle associazioni di volontariato è stata potenziata in questa seconda edizione: oltre alla Croce Rossa, parteciperà attivamente anche la Misericordia di Pisa ed il Cisom (Corpo italiano di soccorso dell'Ordine di Malta). Il numero delle persone che effettueranno ogni fine settimana l'attività di supporto e sostegno al progetto si attesterà sulle quindici unità.

E' stato potenziato anche il numero dei raccoglitori rimovibili del vetro, triplicandone di fatto la quantità predisposta nella prima edizione. Nella sola piazza dei Cavalieri saranno posizionati 20 bidoni, 9 in piazza Sant'Omobono e altri 20 in piazza delle Vettovaglie. In totale, considerando anche quelli che per la prima volta verranno posizionati sui lungarni, i raccoglitori saranno 58.

LA COLLABORAZIONE DI 'SPAZIOBONO'. E' stata confermata la collaborazione di 'Spaziobono 19' all'iniziativa di Sds. Il centro aggregativo giovanile della Società, sito nell'omonima piazza e gestito dalla cooperativa sociale Arnera, negli stessi orari di 'Cavalieri senza vetro' svolgerà l'attività del cosiddetto 'chill out'. Si tratta di un'area di decompressione, nella quale chiunque vorrà potrà sostare liberamente per smaltire gli effetti dell'alcol e di altre sostanze assunte, immergendosi in un ambiente che promuove buone pratiche di convivenza e prevenzione dei rischi. Ad esempio verrà messo a disposizione un etilometro con il quale controllare il tasso alcolemico, ci sarà del materiale illustrativo per la prevenzione contro le malattie sessualmente trasmissibili, sull'abuso di alcol e droghe.

La soddisfazione di Sandra Capuzzi, presidente della Società della Salute, e di Federica Ciardelli, presidente del Ctp 6, in riferimento all'allestimento della seconda edizione di 'Cavalieri senza vetro', è molta. Ma le due maggiori promotrici ed ideatrici dell'iniziativa sottolineano la necessità di dover integrare ancor di più la realizzazione del progetto con l'amministrazione, con le forze dell'ordine e con le associazioni studentesche. "C'è la forte necessità di reperire ulteriori fondi, per riuscire ad estendere concretamente il progetto anche a piazza delle Vettovaglie. Per questo abbiamo bisogno del sostegno delle forze dell'ordine, le sole in grado di poter contrastare i fenomeni di criminalità - spiegano Capuzzi e Ciardelli - e accanto a questo vorremmo riuscire a coinvolgere maggiormente anche i rappresentanti degli studenti, perché il nostro obiettivo è quello di diffondere e radicare il più possibile delle corrette pratiche di convivenza urbana".

UNA NOTTE DI QUALITA'. La Sds punta a promuovere un progetto in grado di creare una vera e propria notte di qualità sia per i frequentatori della movida, che per i residenti del centro storico. E' con questo nome che la CNCA (Coordinamento nazionale centri d'accoglienza), su mandato di ANCI (l'Associazione dei comuni italiani) interverrà il prossimo 10 giugno all'interno di 'Cavalieri senza vetro'. Si tratterà della seconda 'Notte di qualità': la prima è andata in scena il venerdì della scorsa settimana. Tale progetto consiste nella presenza di mediatori artistici - soggetti formati con competenze specifiche sui temi dell'uso e abuso di alcol, droghe e sulla frequentazione della movida - che circoleranno nella zona di piazza dei Cavalieri e dintorni, distribuendo materiale informativo sui temi elencati e intrattenendosi con i passanti.

A chi volesse conoscere qualche dettaglio in più di questa iniziativa si consiglia la visita al sito internet www.nottediqualita.it, e alla pagina facebook 'Notte di Qualità'.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viale delle Cascine: muore alla guida mentre è fermo al semaforo

  • Fisica, matematica, chimica: la Normale di Pisa è la prima università al mondo nella ricerca

  • Dà in escandescenze e devasta il ristorante di fronte a clienti e proprietari

  • Lutto all'Università: è morto il professor Berardo Cori

  • Bagno di folla per Mika in centro a Livorno: suona con lui uno studente Unipi

  • Pontedera, scontro auto-moto: perde la vita 38enne

Torna su
PisaToday è in caricamento