Cavalli morti a Volterra, resta il mistero: "Arriva il caldo, il tempo scarseggia"

Servono ulteriori indagini per capire cosa ha causato la morte degli animali, con i cavalli che intanto devono rimanere chiusi nei box

I pascoli vuoti

Un lungo incontro si è svolto questa mattina, 27 marzo, tra Italian Horse Protection e gli enti che indagano sulla morte improvvisa dei cavalli di inizio gennaio, Arpat inclusa. Tutti concordano sulla necessità di unire le forze nel comune obiettivo di scoprire cosa ha ucciso i cavalli. Questo si traduce in ulteriori indagini, che richiederanno ulteriore tempo e che purtroppo ad oggi non garantiscono che la causa venga trovata, malgrado tutti gli sforzi possibili e in considerazione dei passaggi tecnici di una vicenda che fin dalle prime settimane si è rivelata essere particolarmente complessa.

Parallelamente all’impegno in corso degli enti pubblici coinvolti, IHP sta  attivando anche altri canali: "Grazie all’Università di Torino - scrive l'associazione - siamo entrati in contatto con un laboratorio all’avanguardia di Lione e chiederemo un nuovo esame approfondito da parte di esperti botanici dell’Università di Firenze".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da tre mesi il Centro di recupero si trova in una situazione di emergenza, come spiega Sonny Richichi, Presidente di IHP, oggi presente all’incontro in rappresentanza dell’associazione: "Confidiamo nell’operato delle sedi coinvolte dell’IZS Lazio e Toscana, così come nelle analisi che Arpat effettuerà sulle acque per trovare la causa di morte dei cavalli e scongiurare che altri decessi si verifichino. Abbiamo 40 ettari di pascoli recintati, lasciati vuoti da tre mesi per proteggere i cavalli da non si sa quale pericolo. Piante, suolo, acqua, o lo spettro del gesto intenzionale: nessuno lo sa. Per tutto l’inverno i cavalli sono usciti in piccoli recinti diurni e sono stati rinchiusi la notte in spazi ristretti, una condizione che con l’innalzarsi delle temperature presto non sarà più praticabile per il benessere stesso dei cavalli. In particolare alcuni soggetti anziani con pregressi problemi respiratori hanno urgenza di restare il più possibile all’aperto. Mentre gli enti procedono con il loro lavoro, ciascuno per le proprie competenze, ci apprestiamo a organizzare una gestione alternativa con l’utilizzo di almeno una parte dei pascoli a disposizione, anche se questo significa esporli a un pericolo che ancora non ha un nome".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus e sovraffollamento, nuova ordinanza: positivi inviati in albergo

  • Spiagge di ghiaia a Marina, alga tossica 6 volte oltre i limiti: "Fate attenzione"

  • Scuola, nuovo incontro per la ripartenza: si va verso il prolungamento della didattica a distanza

  • Coronavirus in Toscana, 9 casi in più e zero decessi nelle ultime 24 ore

  • Consegna a domicilio di cocaina: in manette due fratelli pusher

  • Coronavirus, sette nuovi casi: nessun positivo in più a Pisa

Torna su
PisaToday è in caricamento