Festa della Liberazione dedicata a Bargagna, il Sindaco: "Un esempio a cui ispirarsi"

Fu tra i protagonisti della Resistenza. Membro del Pci e dell'Assemblea Costituente Bargagna è stato il primo sindaco della città all'indomani della liberazione

E' stata dedicata al ricordo di Italo Bargagna, sindaco di Pisa dal 1944 al 1951, il 74° anniversario della Liberazione, in occasione del 130° anniversario della nascita. Bargagna, infatti, nacque il 3 aprile 1889, partecipò alla Prima Guerra Mondiale guadagnandosi una croce al merito e fu tra i protagonisti della Resistenza. Membro del Pci e dell'Assemblea Costituente Bargagna è stato il primo sindaco della città all'indomani della liberazione.

"Ho avuto il piacere di parlare con i familiari di Italo Bargagna - afferma  Michele Conti - a cui abbiamo voluto dedicare questa ricorrenza. Un uomo del fare, un sindaco pragmatico che dette tutto se stesso per rimarginare le profonde ferite subite dalla città cominciando l’opera di ricostruzione. Un uomo delle istituzioni che ha fatto il suo dovere fino in fondo, un esempio a cui ispirarsi nel difficile compito di amministrare Pisa perseguendo il bene comune".

Alle celebrazioni ha partecipato anche il prefetto Giuseppe Castaldo. "Il 25 aprile 1945 - ha detto il prefetto - è una data che è parte fondamentale della nostra storia comune. E’ importante che soprattutto i giovani conoscano e comprendano appieno i significati storici e permanenti di Resistenza e di Liberazione, che non si esauriscono nella lotta al nazifascismo, ma che rappresentano il primo essenziale momento per la riconquista della libertà e della democrazia".

"Dalla memoria di quei tragici eventI - ha proseguito il prefetto - e dalla consapevolezza dei valori così riaffermati possiamo trarre la fiducia indispensabile per affrontare le sfide quotidiane. La complessità di queste sfide e delle incognite che vi si accompagnano richiede un nuovo senso di responsabilità nazionale, una rinnovata capacità di coesione, nel libero confronto delle posizioni e delle idee, e insieme nella ricerca di ogni possibile terreno di convergenza. Libertà, democrazia, unità sono beni che vanno difesi, custoditi e valorizzati sempre e incessantemente nel rispetto del Patto Costituzionale e dei suoi valori fondativi, che dal 25 aprile traggono origine e che sono il nostro sicuro presidio".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Ben fatto sindaco Conti. Conviene che segua più i consigli del capo gabinetto (Donati) che del capo partito (ziello), in questa occasione fortunatamente distratto..

  • finalmente una cosa fatta bene dal sindaco,..ma sara' farina del suo sacco?mmmmm...

  • A Cascina, invece...

  • O BRAVO il Sindaco!Ammesso che il Sindaco sia reso conto delle parole che ga detto, CHE S'ISPIRI, CHE S'ISPIRI a questo testimone dell'INIZIO DELLA LIBERTA' Per NOI ITALIANI e in breve di TUTTA EUROPA.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Nuovo piano del personale del Comune di Pisa: 81 assunzioni in tre anni

  • Politica

    "Dall'assessore razzismo istituzionale": è scontro in Consiglio Comunale

  • Cronaca

    Classifiche: Pisa è il Comune finanziariamente più efficiente d'Italia

  • Cronaca

    Superstrada: ecco il piano da 26 milioni per migliorare la sicurezza

I più letti della settimana

  • I pesciolini d'argento (che non vivono nell'acqua): cosa sono e come proteggere la casa

  • Ateneo in lutto: è morto il professor Pietro Armienti

  • 'Pisa Air Show': tutto quello che c'è da sapere per vedere lo spettacolo

  • Pisa Air Show: il programma dello spettacolo sul litorale pisano

  • Trovato morto a Londra in un cassonetto giovane 23enne di Montopoli

  • Canapisa, tutto pronto: quartiere stazione blindato

Torna su
PisaToday è in caricamento