Una casa delle associazioni al centro espositivo Sms

I progetti dell'amministrazione sono stati illustrati in Commissione Consiliare. Novità in arrivo anche per quanto riguarda la biblioteca comunale

Una casa delle associazioni cittadine al centro espositivo Sms. E' il progetto illustrato nei giorni scorsi dall'assessore alla Cultura, Pierpaolo Magnani, nel corso della III Commissione Consiliare del Comune di Pisa che aveva come argomento all'ordine del giorno "la situazione attuale e i progetti per il futuro che riguardano sia l’utilizzo dello spazio sia il personale della biblioteca comunale".

"La mia idea - ha spiegato Magnani - è quella di affrontare le problematiche legate alla biblioteca come un tutt'uno con quelle legate al recupero e all'utilizzo del centro espositivo Sms". Una struttura, quest'ultima, che al momento è però inagibile. "Sto sollecitando gli uffici per risolvere la situazione - ha proseguito Magnani - mi è stato assicurato che stiamo per avere il permesso di agibilità dai vigili del fuoco". Il piano del neoassessore sarebbe quello di "lasciare il primo piano dell'immobile a disposizione di un eventuale centro espositivo. Al piano terra vorrei invece realizzare 'una casa' per tutte le associazioni cittadine che ne faranno richiesta. A novembre farò una 'call' per incontrare tutti i soggetti che potrebbero essere interessate".

Non è però l'unica novità annunciata da Magnani. "All'interno della biblioteca comunale - ha proseguito l'assessore - oltre al prestito di libri si svolgono attualmente anche diverse attività collaterali come presentazione e corsi di italiano per stranieri. E' poi di fatto anche una 'aula studio'. Tutte attività che al momento sono gestite appoggiandosi al personale della biblioteca. La mia idea è quella di delocalizzare tutte queste attività nel centro espositivo che si trova davanti alla biblioteca e di farle gestire alle associazioni che si insedieranno, lasciando alla biblioteca la sola funzione di prestito e riconsegna dei libri". Il tutto verrà realizzato nei primi mesi del prossimo anno. "Questo consentirebbe di alleggerire il carico di lavoro del personale della biblioteca e di ridurre anche gli orari di apertura. Razionalizzando l’orario con il personale che abbiamo e magari rinforzandolo con qualche unità in più si può evitare di esternalizzare servizio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel corso della seduta è intervenuta anche l'assessore al Personale, Giovanna Bonanno. "Quando questo progetto verrà formalizzato - ha detto la Bonanno - provvederemo a rafforzare il personale, valutando le esigenze".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, approvato il decreto scuola: ecco cosa cambia

  • Coronavirus, l'emergenza ferma il Giugno Pisano: saltano Luminara, Gioco del Ponte e Palio

  • In Toscana scatta l'obbligo delle mascherine: chi deve indossarle e in quali occasioni

  • Lutto nella sezione Aia di Pisa: muore a 41 anni Gennaro D'Archi

  • Emergenza Coronavirus: distribuzione di mascherine a domicilio per i cittadini pisani

  • Auto fuori strada lungo l'Arnaccio: muore 25enne

Torna su
PisaToday è in caricamento