San Giuliano Terme: il Centro cottura festeggia due anni

E' stato presentato il bilancio dei primi due anni di attività della cucina centralizzata delle scuole comunali: risparmio di 500 mila euro annui grazie alla gestione di Ge.STe srl

Con la fine dell'anno scolastico, Ge.STe Srl e l'Amministrazione Comunale di San Giuliano Terme hanno presentato in una conferenza stampa presso i locali del centro cottura di San Martino Ulmiano, il bilancio dell'attività della cucina centralizzata nelle scuole comunali a due anni dalla sua apertura. Alla conferenza stampa erano presenti l'amministratore unico Alfio Coli, l’assessore all’istruzione Fabiano Martinelli, il direttore generale di Ge.STe srl Antonio Facchini, Eleonora Virgone Bonadio, consulente igienico-nutrizionale per il settore Cucina di Ge.STe srl e responsabile Sportello Nutrizionale “Parla con noi”. Hanno partecipato inoltre Nicola Davini e Tiziana Micheletti per la struttura di Ge.Ste srl.

Nella conferenza stampa sono stati trattati più temi facendo una fotografia, con numeri e percorso svolto, dei primi due anni di vita del Centro anche annunciando alcune iniziative per il futuro, compresa la trasformazione societaria di Ge.Ste.

“Il progetto - ha introdotto Martinelli - è nato dalla volontà e dalla necessità dell’amministrazione comunale di garantire un servizio mensa di elevata qualità contenendo però i costi di produzione ed evitando sprechi in un momento in cui il problema delle risorse economiche era ed è sempre più stringente. A questo proposito, l’amministrazione comunale ha voluto riorganizzare il sistema tariffario per raggiungere necessariamente un maggiore equilibrio tra quota di compartecipazione da parte delle famiglie e loro reale disponibilità economica. Da parte nostra abbiamo fatto con Ge.STe srl tutti gli sforzi e le riorganizzazioni necessari per contenere i costi a carico del Comune che con la nuova mensa centralizzata si sono ridotti di oltre 500mila euro annui passando dai 900mila del 2010 ai 400mila di oggi”.

“Il centro cottura di Ge.STe srl a San Martino Ulmiano - ha ricordato il direttore generale Facchini - è stato allestito nell’estate 2010 ed è entrato ufficialmente in funzione il 15 settembre dello stesso anno, primo giorno di scuola. La realizzazione ed il buon funzionamento del centro cottura è stata possibile grazie ad un forte investimento in tecnologie e attrezzature di alta qualità e soprattutto al personale di Ge.STe srl che già lavorava nelle otto cucine interne delle scuole comunali e che ha partecipato attivamente al cambiamento attraverso anche un processo costante di aggiornamento e formazione. Dopo il confezionamento oggi riusciamo a raggiungere le scuole in venti minuti al massimo con il massimo delle garanzie igienico-sanitarie”.

“Attraverso la fattiva collaborazione e partecipazione della commissione mensa, in questi due anni, sono stati apportati - ha spiegato Eleonora Virgone Bonadio - anche dei cambiamenti ai menù per venire incontro alle richieste delle famiglie, attraverso questionari e interviste. Tale collaborazione è continua, aperta alle critiche e alle osservazioni, che devono comunque fare i conti con il rispetto delle linee guida sull’alimentazione del ministero della salute e delle potenzialità logistiche della struttura. Questo nostro lavoro ha consentito di far conoscere, in trasparenza, all’esterno, i processi dell’azienda e le regole sulla gestione di un’azienda pubblica: si pensi, ad esempio, agli obblighi normativi vigenti in materia di gare d’appalto per le forniture delle materie prime. Sicurezza alimentare, nutrizionale e menù validati dalla Usl sono e devono essere comunque  i nostri fari guida nell'interesse degli alunni e delle famiglie.

“Quando il servizio di refezione scolastica era gestito interamente dal Comune - ha ricapitolato Coli - il suo costo si aggirava intorno a 7,70 euro a pasto. Con la gestione a cura di Ge.STe srl e con la realizzazione del centro unico di cottura, questo si è ridotto a 5,60 euro. La riduzione del costo, diminuito per il Comune, è quindi evidente ed è stata possibile grazie all'ottimizzazione dei fattori produttivi (risorse umane, attrezzature, forniture e magazzino) mantenendo però una qualità concorrenziale al confronto con altre realtà aziendali del settore. Ad oggi è quindi possibile dire che una società a partecipazione interamente pubblica quale è Ge.STe srl è altamente concorrenziale anche con il settore privato. L’operazione della cucina centralizzata ha quindi consentito di mantenere la gestione pubblica di un servizio a dei costi che possono essere tranquillamente confrontati con quelli di una gestione privata".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In occasione della conferenza stampa, è stato presentato un documento di dettaglio sulla storia e sul futuro del Centro cottura che verrà inviato a tutte le famiglie che usufruiscono del servizio e alle scuole. Infatti Ge.STe srl e amministrazione comunale sono già al lavoro per programmare e organizzare il servizio di refezione scolastica per il prossimo anno scolastico in tutti i suoi aspetti, anche a seguito della nuova normativa nazionale che obbliga la società in house a trasformarsi in società a compartecipazione privata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'emergenza ferma il Giugno Pisano: saltano Luminara, Gioco del Ponte e Palio

  • Coronavirus, approvato il decreto scuola: ecco cosa cambia

  • In Toscana scatta l'obbligo delle mascherine: chi deve indossarle e in quali occasioni

  • Emergenza Coronavirus: distribuzione di mascherine a domicilio per i cittadini pisani

  • Coronavirus: 196 nuovi casi in Toscana, il dato più basso dall'inizio dell'epidemia

  • Coronavirus, i balneari pisani attendono con fiducia la bella stagione

Torna su
PisaToday è in caricamento