Centro per il rimpatrio a Coltano, il sindaco Conti: "Favorevole, ma servono garanzie"

Il Ministero dell'Interno starebbe valutando di usare l'ex struttura militare come Cpr per tutta la Toscana

Immagine di archivio

Favorevole, con riserva. Il sindaco di Pisa Michele Conti è intervenuto sulla possibilità di costruzione di un centro permanente per rimpatri a Coltano.

"Leggo su alcuni organi di stampa - dice il primo cittadino - che il Viminale starebbe valutando l'ipotesi di usare l'ex struttura militare di proprietà del Demanio a Coltano per ospitare un centro permanente per rimpatri per tutta la Regione Toscana. Pur essendo favorevole all'utilizzo dei Cpr, che garantiscono in modo più efficace il rimpatrio di clandestini irregolari che permangono senza titolo nelle nostre città, non sono convinto che l'ex struttura militare di Coltano sia la più idonea per accogliere il Centro, visto che per funzionare avrebbe bisogno di un importante impegno di spesa da parte dello Stato per la ristrutturazione e l'adeguamento, essendo da anni fatiscente. Certo sarebbe idonea dal punto di vista della logistica, essendo vicino al Galilei, il più grande aeroporto della Toscana, al porto di Livorno e alle strade di grande comunicazione della costa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Se l'ipotesi prendesse corpo, e ad oggi non sono pervenute conferme ufficiali a Palazzo Gambacorti - specifica Conti - sarei pronto a chiedere al Viminale garanzie per la gestione e un percorso da costruire insieme con l'obiettivo di spiegare alla cittadinanza modalità di utilizzo ed eventuali benefici che dovranno contestualmente pervenire al nostro territorio che, ospitando il Cpr, darebbe un contributo significativo al sistema di gestione dei flussi migratori dell'intera Regione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 254 nuovi casi in Toscana, 3.226 i contagi 

  • Coronavirus e commercio: dichiarato lo sciopero per punti vendita e supermercati

  • Coronavirus: 224 nuovi casi positivi in Toscana

  • Coronavirus, 305 nuovi casi in Toscana: salgono a 4.122 i contagi dall’inizio

  • Coronavirus: primi esiti positivi in pazienti trattati con farmaco 'anti-terapie intensive'

  • Coronavirus: i negozi che effettuano consegne a domicilio a Pisa e provincia

Torna su
PisaToday è in caricamento