Lungarni: la chiesa dei Santi Vito e Ranieri in concessione d'uso alla Parrocchia di San Nicola

Il bene è di proprietà comunale ed era inutilizzato da dieci anni. La concessione ha durata fino al 2024 e prevede il pagamento da parte della Parrocchia di un canone 'simbolico' di 400 euro all’anno

La chiesa dei Santi Vito e Ranieri, posta in Lungarno Simonelli, di proprietà comunale, è stata concessa in uso alla Parrocchia di San Nicola fino al 2024. Questa mattina, 10 luglio, a Palazzo Gambacorti la firma del contratto tra il dirigente della direzione patrimonio Claudio Grossi e padre Mariano Raspanti, alla presenza del vicesindaco con delega al Patrimonio, Raffaella Bonsangue.

"Siamo riusciti - dichiara la vicesindaco Raffaella Bonsangue - nell’intento restituire uno spazio così importante alla fruizione della cittadinanza e dei turisti, nell’ottica di valorizzazione di quella parte dei Lungarni che con gli Arsenali medicei, la Torre Guelfa e adesso il Museo delle Navi Antiche di Pisa, rappresenta una parte sempre più interessante e attrattiva della città. La chiesa di San Vito meritava questa attenzione di valorizzazione e pertanto siamo molto soddisfatti dell’accordo con la parrocchia di San Nicola che ringrazio per essersi fatta carico dell’impegno di riaprire al pubblico questo luogo così importante per la storia di Pisa".

La concessione ha la durata di cinque anni, fino al 2024 e prevede il pagamento da parte della Parrocchia di un canone 'simbolico' di 400 euro all’anno che sarà corrisposto in unica rata annuale. La chiesa ha una superficie di circa 159 metri quadrati, compreso il campanile. I locali sono concessi per lo svolgimento di attività pastorale, spetterà alla Parrocchia la manutenzione ordinaria e straordinaria e relativi impianti. Da circa dieci anni è rimasta inutilizzata.

La chiesa dei Santi Vito e Ranieri

Ricordata sin dalla metà dell’XI secolo, la chiesa è profondamente legata alla storia della città. Secondo la tradizione, infatti, in quei locali visse dopo il suo ritorno dalla Palestina San Ranieri, patrono di Pisa, che vi morì nel 1160. La tomba del martire cristiano rimase nella chiesa fino a quando l’urna contenente il corpo di Ranieri venne trasferita in Duomo. Nella chiesa è rimasta tuttavia, sul pavimento, la lapide degli Scaccieri, la famiglia del Patrono. L'antico luogo di culto fu seriamente danneggiato durante i bombardamenti nell’agosto del 1943, quindi ricostruito in forme analoghe a quelle settecentesche. Uno degli ultimi interventi di restauro risale alla fine del secolo scorso.

Potrebbe interessarti

  • Attenzione al ragno violino: come difendersi dal suo morso

  • Sos pancia gonfia: le cause e i rimedi naturali più efficaci

  • Mantenere puliti i capelli: le abitudini più comuni da evitare

  • Come pulire e igienizzare i bidoni della spazzatura

I più letti della settimana

  • Tutti con gli occhi al cielo: arriva l'eclissi di Luna

  • Scooter contro auto: muore 18enne

  • All'ospedale Cisanello il metabolismo si studia in una stanza

  • Morto in scooter a 18 anni: la polizia cerca un possibile testimone chiave

  • "Ero al pronto soccorso", ma non era vero: 36enne torna ai domiciliari

  • Maltempo in Toscana: in arrivo temporali e pioggia intensa

Torna su
PisaToday è in caricamento