Venditore abusivo cade mentre cerca di fuggire ai Carabinieri: fermato e denunciato

I militari hanno sequestrato borse, portafogli e occhiali contraffatti. Denunciato un giovane che cercava di rubare all'Oviesse

La merce sequestrata dai carabinieri

Ancora controlli in città, così come stabilito in sede di Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, da parte dei militari del Comando Compagnia Carabinieri di Pisa, coadiuvati da una squadra della Compagnia di Intervento Operativo del 6° Battaglione 'Toscana' ed un’ulteriore squadra dello stesso Battaglione, inviati in rinforzo dal Comando Generale, per un impiego complessivo di 21 militari, per contrastare i fenomeni di degrado urbano, la vendita di merce contraffatta e lo spaccio delle sostanze stupefacenti.    

Nel pomeriggio di ieri, giovedì 8 novembre, i controlli sono stati rivolti al centro storico, all’area monumentale di Piazza dei Miracoli ed alla zona della stazione ferroviaria.

Nel corso del servizio di controllo dei venditori ambulanti sono state, in particolare, pattugliate l’area monumentale e le vie limitrofe, nonché il parcheggio adiacente a via di Vecchia Barbaricina. Sono stati identificati e controllati 6 venditori ambulanti, tutti stranieri in possesso di regolare permesso di soggiorno.
Sequestrati inoltre a carico di ignoti borse e portafogli, con marchio griffato contraffatto. I venditori abusivi, alla vista dei militari, si sono dati alla fuga, abbandonando in terra la merce. Un 32enne, senegalese, incensurato, mentre cercava di scappare è caduto a terra ed è stato raggiunto dai militari: è stato deferito a piede libero all’autorità giudiziaria poiché trovato in possesso di occhiali da sole, con marchi griffati contraffatti, tutti posti sotto sequestro.

Nello stesso servizio è stato rintracciato e arrestato, in esecuzione di un ordine di carcerazione, un 38enne, marocchino, responsabile del reato di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali aggravate, commessi a Pisa nel maggio 2017.

Denunciate infine a piede libero all’autorità giudiziaria altre quattro persone: una 33enne, italiana, pregiudicata, controllata alla guida di un mezzo in stato di alterazione psicofisica dovuta all’assunzione di sostanze stupefacenti; un 25enne, rumeno, incensurato, sorpreso all’interno del punto vendita Oviesse di corso Italia mentre tentava, insieme ad un complice, il furto di capi di abbigliamento; due donne, pregiudicate, per mancato rispetto del foglio di via obbligatorio dal Comune di Pisa.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Smettiamola di dare la colpa alle varie amministrazioni politiche, giudiziarie o di Polizia;la vera colpa è di chi compra la merce contraffatta, se non c'è richiesta non ci sarà OVVIAMENTE il mercato degli abusivi e della merce fasulla.

  • Questa amministrazione è fin troppo tollerante. Spero che rivinca la sx così sarà costretta ad incrementare i controlli altrimenti riperderà.

  • Venditori abusivi deferiti a piede libero. Traduzione: Son tornati già al loro posto.

  • Non capisco ma se vendevano abusivamente non gli Si può revocare il permesso di soggiorno ? sarebbe bel deterrente

  • L'estracomunitario se si e' fatto male cadendo chiedera' sicuramente il risarcimento a chi di dovere

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Cadavere lungo l'Arno: forse vittima di una caduta accidentale

  • Cronaca

    A Peccioli arriva Mobot, il robot che aiuta a fare la spesa

  • Attualità

    'I giorni della scienza': torna l'appuntamento al Liceo 'Buonarroti'

  • Cronaca

    Casa a rischio frana: ladro si intrufola ma viene arrestato

I più letti della settimana

  • San Giuliano Terme, investito in bicicletta: morto

  • Investito in bicicletta a San Giuliano Terme: muore anche la donna alla guida dell'auto

  • Tragedia sui lungarni: cadavere lungo l'argine del fiume

  • Foto porno nel cimitero: tre denunciati

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 16 e 17 marzo

  • Matteo Salvini a Pisa: "Parteciperà ad un incontro del Movimento Universitario Toscano"

Torna su
PisaToday è in caricamento