Cascina: i controlli in strada anti-contagio si fanno con il drone

Partita la sperimentazione che permette di verificare la presenza di persone anche a lunga distanza

Per controllare chi esce di casa nonostante i divieti anti-contagio, l'amministrazione comunale cascinese ha ora messo in campo anche i velivoli a pilotaggio remoto. Da oggi 25 marzo infatti la Polizia Municipale si avvarrà di un drone. "L’obiettivo - afferma il sindaco reggente Dario Rollo - è quello di contribuire dall'alto al controllo del territorio per individuare chi vìola le norme che limitano a tre i casi in cui è consentito uscire di casa, almeno fino al 3 aprile. Ovvero, lo stato di necessità (la spesa o l'acquisto dei farmaci, per esempio), motivi di salute o di lavoro. I primi controlli dal cielo sono avvenuti nel centro della città, sotto la supervisione del comandante della polizia locale, Elena Barsacchi. Successivamente sono proseguiti lungo la pista ciclo-pedonale dell’Arno e nella zona di San Benedetto e San Frediano".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dal parco Collodi, non fruibile dallo scorso 18 marzo in virtù dell'ordinanza contingibile e urgente emanata dal sindaco, la Polizia Municipale con il supporto di un tecnico, ha fatto decollare un drone. Presenti alle operazioni sul posto due pattuglie della polizia locale, che intervenivano ogni qual volta l’occhio tecnologico segnalava presenza di individui nelle zone limitrofe. L'aeromobile a pilotaggio remoto è un DJI matrice 210, ha un’autonomia di circa mezz'ora e registra video in alta definizione grazie all’ottica zoom 30x e termocamera flir XT2. Con tale velivolo è possibile osservare un soggetto anche a molta distanza dal punto di stazionamento della pattuglia. "Si tratta di una prima sperimentazione - aggiunge Rollo - per capire se il drone può essere un utile strumento a supporto dei controlli della polizia locale. Vedremo se è il caso di utilizzarlo anche nei controlli nel prossimo futuro e non solo in occasione di questa emergenza. Invito nuovamente le persone a rispettare le regole, come la gran parte dei concittadini sta facendo. Ognuno deve fare il proprio dovere, perché un comportamento corretto di ognuno di noi andrà a beneficio di tutti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 254 nuovi casi in Toscana, 3.226 i contagi 

  • Coronavirus e commercio: dichiarato lo sciopero per punti vendita e supermercati

  • Coronavirus: 224 nuovi casi positivi in Toscana

  • Coronavirus, 305 nuovi casi in Toscana: salgono a 4.122 i contagi dall’inizio

  • Coronavirus: primi esiti positivi in pazienti trattati con farmaco 'anti-terapie intensive'

  • Coronavirus: i negozi che effettuano consegne a domicilio a Pisa e provincia

Torna su
PisaToday è in caricamento