Coronavirus, la denuncia: "Continue disdette, affari in calo del 30%"

A lanciare l'allarme è Maurizio Privitera, titolare di due parcheggi nei pressi degli aeroporti di Pisa e Firenze: "La situazione sta diventando insostenibile"

Il Flyparking Pisa, nei pressi dell'aeroporto G. Galilei

"La situazione sta diventando insostenibile". A parlare è Maurizio Privitera, titolare di Flyparking Pisa e Flyparking Firenze, due aree parcheggio situate nei pressi degli aeroporti delle due città toscane. L'imprenditore denuncia il calo degli affari che si è verificato negli ultimi giorni, da quando è cioè esplosa l'emergenza Coronavirus. "Fino a una settimana fa - spiega Privitera - tra Pisa e Firenze gestivamo nel nostro parcheggio tra le 500 e le 1000 macchine al giorno. Oggi, forse, ne avremo 350, con un calo di almeno il 30%. Riceviamo continuamente disdette, ormai viaggiano solo le persone che costrette per necessità".

Una situazione che comporta un notevole mancato incasso giornaliero "e - prosegue Privitera - bisogna anche considerare che siamo in bassa stagione. Già a partire da marzo, se le cose non dovessero cambiare, le perdite saranno molto più consistenti. A Pisa ho 15 dipendenti, a Firenze 4, ma è chiaro che non è possibile resistere a lungo in queste condizioni". Il calo, secondo Privitera, è generalizzato: "A Pisa le disdette arrivano soprattutto dai turisti, essendo il Galilei principalmente un aeroporto per i voli low-cost, mentre a Firenze il calo riguarda le persone che viaggiano per lavoro e che, in questo momento, hanno smesso di muoversi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Insomma il rischio, denuncia Privitera, è che questa vicenda provochi "la morte di molte aziende. Le cose sono due: o si risolve la situazione in tempi brevi, o si smette di creare questo clima di paura generalizzata". Privitera chiede quindi "che lo Stato intervenga a sostegno delle imprese", non solo delle zone 'rosse' colpite dai focolai "ma di tutte le azienda italiane che risentono pesantemente delle conseguenze di questa emergenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto travolge tavoli e clienti di una pizzeria in via dell'Aeroporto

  • Coronavirus e sovraffollamento, nuova ordinanza: positivi inviati in albergo

  • Meteo, il gran caldo ha i giorni contati: torna il maltempo

  • Spiagge di ghiaia a Marina, alga tossica 6 volte oltre i limiti: "Fate attenzione"

  • Coronavirus in Toscana, 9 casi in più e zero decessi nelle ultime 24 ore

  • Coronavirus in Toscana: 4 nuovi casi, di cui 2 a Pisa

Torna su
PisaToday è in caricamento